mercoledì, Maggio 12

Monsanto vince la battaglia per il glifosato: licenza ancora per 5 anni La Commissione europea ha autorizzato l'uso del famoso e discusso erbicida. Decisivo il voto della Germania

0

Una notizia temuta da molti e che è diventata realtà nelle ultime ore: la Commissione europea ha autorizzato l’uso del glifosato, il famoso e discusso erbicida della Monsanto, per altri 5 anni. Molti Paesi Ue (tra cui Italia, Austria e Francia) si erano pronunciati per il non-rinnovo della licenza, ma alla fine ecco la beffa.

L’Oms ha classificato il glifosato come «probabilmente cancerogena per gli esseri umani» mentre per l’Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) sarebbe non cancerogeno. Il pesticida è stato al centro anche di una ICE (Inziativa dei cittadini europei) che ha raccolto oltre 1.3 milioni di firme in tutta Europa.  Ma nulla è servito. Fondamentale è stata la posizione della Germania, che ha votato a favore, così come Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Irlanda, Spagna, Lettonia, Lituania, Ungheria, Olanda, Polonia, Romania, Slovenia, Slovacchia, Finlandia, Svezia e Regno Unito. La nuova lincenza – di soli 5 anni rispetto ai 10 chiesti – entrerà in vigore il prossimo 15 dicembre.

La Monsanto è stata accusata di aver falsificato degli studi scientifici relativi alla nocività del suo prodotto. Ma il rinnovo è arrivato lo stesso. «Unica consolazione», fa sapere in una nota Slow Food, «quella che, mentre a livello politico si è deciso di continuare a impiegare il famoso erbicida, diverse città e Stati hanno scelto autonomamente di restringere il campo di applicazione del glifosato […] non ha alcun senso il rinnovo di altri 5 anni: così si ignora completamente il principio di precauzione». E si sottolinea come decisioni del genere allontanino ancor di più i cittadini dall’Europa.

 

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->