domenica, Agosto 1

Mohammed Bin Salman sarà il nuovo re in Arabia Saudita

0

Dopo qualche indiscrezione, alla fine il re dell’Arabia Saudita Salman ha deciso: arriva il cambio alla linea di successione al trono. Il prossimo re sarà Mohammed Bin Salman, 31 anni, suo figlio prediletto, negli ultimi mesi ministro della Difesa e responsabile della guerra in Yemen, ministro dell’Economia e dei Giovani e titolare di Vision 2030, il piano che punta a cambiare il Paese nei prossimi 13 anni.

Lo scorso anno l’ottantaduenne re aveva sancito il passaggio alla seconda generazione degli Al Saud, scegliendo come erede al trono Mohammed Bin Nayef, 57 anni, il più rispettato dei principi della seconda generazione e per anni l’alleato numero uno dell’Occidente. E proprio questo sembra il motivo per il suo accantonamento.

Il cambiamento è stato votato da una maggioranza schiacciante di principi nella riunione del consiglio. Ma cosa cambierà con Mohammed Bin Salman? Portatore di una linea politica più aggressiva e spesso giudicata avventata dagli analisti, ha finora guidato una guerra senza risultati in Yemen, ma dalla sua ha, come detto, la paternità del Vision 2030, il piano di ammodernamento del Paese, che punta a staccare l’Arabia Saudita dalla sua dipendenza dal petrolio, a privatizzare larghi settori dell’economia, a portare i giovani e le donne sul mercato del lavoro. Tra i grandi obiettivi quello di mettere a breve sul mercato una parte di Saudi Aramco, la società statale che gestisce i maggiori giacimenti di petrolio del mondo. 

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->