giovedì, Settembre 23

Modi e il sogno di una Digital India

0
1 2


La recente visita di Narendra Modi in Silicon Valley ha dato un segnale forte circa l’impegno del primo ministro e della sua amministrazione a trasformare l’India in un Paese digitalizzato e moderno. Modi, accolto da oltre 20.000 espatriati alla serata di apertura alla SAP Arena di San Jose, si è rivolto a più di 350 aziende americane leader nel settore tech, chiedendo loro di portare e condividere il proprio know-how e tecnologie in India, per accelerare la crescita economica e sociale del Paese.

Modi, il primo leader indiano a visitare la costa ovest statunitense negli ultimi 30 anni, ha annunciato, in un discorso durante la sua visita, che Google porterà, in tempi brevi, la connessione internet wifi in oltre 500 stazioni ferroviarie indiane; ha poi espresso la propria riconoscenza verso le numerose compagnie tech americane, come Facebook, Instagram, WhatsApp e Twitter, per aver aiutato a cambiare il volto del Paese. Il primo ministro ha sfruttato, inoltre, l’occasione per invitare gli executive della tecnologia a partecipare e investire nella sua neonata Digital India Initiative, che ha l’obiettivo di garantire una connessione internet a migliaia di villaggi dell’India rurale, aumentare gli impieghi nel settore tech e spostare sempre più servizi online.

«Digital India è un programma volto a preparare l’India a un futuro fatto di conoscenze; il focus del progetto è quello di utilizzare la tecnologia per attuare cambiamenti sociali ed economici», annuncia il dipartimento dell’elettronica, e dell’IT del Governo indiano. Il tentativo di Modi in Silicon Valley è stato quello di incoraggiare gli innovatori americani a investire nelle startup tech emergenti indiane, e ai veterani indiani del tech americano di riportare le proprie skills in India per attivare uno scambio d’informazione da cui il Paese possa trarre beneficio.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->