sabato, Ottobre 16

Misure UE dopo protesta agricoltori Gli agricoltori non smetteranno di protestare finché il prezzo dei prodotti non sarà abbassato

0

I Ministri dell’Agricoltura dell’UE hanno annunciato un € 500m (£ 365m) in pacchetto di aiuti, dopo migliaia di contadini hanno protestato per le strade di Bruxelles. I contadini soprattutto belgi, francesi e tedesche stavano protestando contro crollo dei prezzi per i loro prodotti. Hanno bloccato le strade con i trattori nei pressi del quartier generale dell’Unione europea, dove i ministri dell’agricoltura si sono incontrati. La Commissione europea ha detto che era “ben consapevole della difficile situazione” di fronte da parte degli agricoltori.

Vicepresidente Jyrki Katainen, ha dichiarato: “Questo dimostra che la Commissione prende la sua responsabilità nei confronti degli agricoltori molto sul serio e si prepara una copia di backup con i fondi adeguati.”

Le misure di aiuto saranno puntate sui produttori caseari, che sono stati particolarmente colpiti dopo che la Russia ha vietato le importazioni di prodotti alimentari dell’UE e il mercato lattiero-caseario è stato liberalizzato all’inizio di quest’anno.

Altri fattori – tra cui cambiare le abitudini alimentari e il rallentamento della domanda cinese – hanno colpito anche i prezzi per i prodotti lattiero-caseari, così come manzo e maiale. Il pacchetto di aiuti è venuto prima di una riunione dei ministri dell’agricoltura a Bruxelles lunedì scorso, in cui sia i prezzi del latte sia l’impatto della mossa russa erano all’ordine del giorno. L’Europa sta annegando nel latte“, si legge striscioni degli agricoltori che rappresentano la Milk Board europea. La polizia ha detto che 4.800 agricoltori e circa 1.450 trattori sono stati costituiti apposta per la protesta.

Il Segretario all’Ambiente Liz Truss, che rappresentava il Regno Unito nel corso della riunione di lunedì scorso, prevede di chiedere la creazione di un mercato dei futures dei prodotti lattiero-caseari, simili a quelli per il grano e lo zucchero. Il governo ha detto che una tale mossa potrebbe contribuire a dare i produttori di latte del Regno Unito più certezza sui prezzi futuri. Il mese scorso, i leader di allevamento e ministri hanno tenuto colloqui sul futuro della produzione di latte nel Regno Unito a seguito delle proteste sui prezzi del latte. Alcuni agricoltori hanno chiesto di quote di produzione del latte per essere ripristinati per evitare loro di dover vendere in perdita. Heinz Thorwarth, andato a Bruxelles da Fuchsstadt, Germania meridionale, ha detto: “Il prezzo del latte è sotto o intorno 28 centesimi al litro […] E questo non è sufficiente nemmeno a coprire i costi.“.
Il Ministro dell’agricoltura francese ha stimato che circa 22.000 aziende agricole – il 10% del totale – faccia fallimento e dovrà in totale circa € 1mld (£ 730m). Il divieto di importazione russo ha chiuso il principale mercato di esportazione agricola dell’UE, del valore di circa € 5,5 miliardi all’anno.

Gli agricoltori stanno pagando il prezzo per la politica internazionale. La campagna ha dovuto assumersi l’onere del divieto russo“, ha detto Albert Jan Maat, presidente dell’associazione agricoltori europei Copa. Nel mese di luglio, l’UE ha prorogato fino al prossimo anno un pacchetto di aiuti di svariati milioni di euro per aiutare gli agricoltori europei colpiti dal divieto russo.

(tratto dalla sezione vdeo del sito di Reuters)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->