mercoledì, Ottobre 20

Mistero Marino

0
1 2


Interviene sulle Unioni delle persone: «Propongo una petizione perché il Disegno di Legge Cirinnà sulle Unioni Civili venga approvato subito senza modifiche. Basta con i rinvii, basta con le tattiche dilatorie. Le unioni di fatto, comprese quelle tra persone dello stesso sesso, sono una realtà del nostro tempo». E poi ripropone il Programma con cui si insediò nel 2013. «Roma deve essere una città che funziona, che accoglie, che si prende cura delle persone, che attrae giovani e investimenti. Una città che torna all’altezza della sua fama nel mondo. Per riuscirci investiremo sulla sua bellezza e sul suo orgoglio, sulle sue grandi risorse e sulle sue straordinarie energie, sulle capacità delle sue donne, dei suoi uomini, delle ragazze e dei ragazzi che la vivono. E, pur in una situazione di crisi economica, non effettueremo alcun taglio sui servizi alle persone con fragilità sociali, sul trasporto pubblico, sui servizi scolastici e sulla cultura, che costituiranno le nostre priorità. Faremo in modo che Roma rialzi lo sguardo e guardi al futuro con ottimismo e decisione, con l’umiltà di chi riconosce la difficoltà dei tempi e del percorso. Lo faremo a partire dalle priorità stabilite nelle linee programmatiche del mio mandato 2013-2018». Ma, visto che a quel 2018 non c’è arrivato, e neanche a questo 2016, affianca il ‘Discorso della conferenza stampa di saluto ala città’. Saluto, appunto, arrivederci e non addio. Ché chi si deve allarmare si allarmi, chi lo deve corteggiare continui a corteggiarlo.

Per ora attende una prima, imminentissima, data: entro fine Gennaio verrà consegnata al Sostituto procuratore di Roma, Roberto Felici, la relazione del Nucleo Tributario della Guardia di Finanzia sui sette ‘desinari’ che gli sono costati l’accusa di peculato. E comunque quello che gli viene, eventualmente, contestato ammonta in totale a meno di mille euro. Ci sono anche altre due inchieste della Procura di Roma: presunte irregolarità nei pagamenti a due collaboratori della onlus Imagine, associazione umanitaria cofondata nel 2005; sospetto abuso d’ufficio, con altri 58 funzionari, dirigenti e politici, per avere violato il Testo unico degli Enti locali. Dovrebbero rapidamente risolversi in archiviazioni. Lui si tiene pronto, ha programmato giusto giusto per metà marzo l’uscita del libro che ricostruirà i retroscena della sua amministrazione, tra scandalo di Mafia Capitale e pugnalazione da parte del partito di Renzi. In ogni caso resta questa ‘storia straordinaria’ all’italiana, questo suo davvero strano caso che ruota attorno all’interrogativo del perché, se è ancora così appetibile, o almeno accettabile, tanto ci si sia accaniti a far fuori il mostro Marino.

Fatti strani. Casi inspiegabili. Leggende metropolitane. Una vasta raccolta è proposta dal ‘Fortean Times’, mensile britannico che pubblica notizie, critiche, rassegne e ricerche su fenomeni anomali, eventi paranormali, presunti miracoli ed altro. Trae il suo nome da Charles Fort, scrittore e ricercatore statunitense di origine tedesca (1874-1932) che così descriveva il proprio interesse: «Spendo il mio tempo pensando alle presunte pseudorelazioni che vengono chiamata coincidenze. Che accadrebbe se alcune di esse non lo fossero?». Forniamo il nostro contributo per quanto riguarda il Paese che ne è il massimo produttore. L’Italia. La prima puntata di ‘Storie straordinarie’ suL’Indrone ‘il Contrappunto’ è stata ‘Storie straordinarie. L’inverosimile caso di Silvio B. .1’, Giovedì 25 Giugno 2015.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->