giovedì, Settembre 23

Il mistero del tesoro dei nazisti nascosto in Argentina

0

Un tesoro di reperti nazisti è stato trovato in Argentina, vicino a Buenois Aires. Secondo la polizia è la più grande collezione di manufatti nazisti della storia del Paese. Fra i circa 75 oggetti ritrovati nella abitazione di un collezionista a Beccar ci sono delle lenti di ingrandimento, un busto d’argento di Adolf Hitler e uno strumento medico per misurare la circonferenza delle teste ariane. Ma non solo, anche giocattoli per indottrinare i bambini e una statua dell’Aquila Nazista.

Le autorità ritengono che siano tutti originali e che siano appartenuti ad alti gerarchi nazisti in Germania durante la seconda guerra mondiale. E diversi pezzi sono accompagnati da vecchie fotografie. «E’ un modo per commercializzarli, dimostrando che erano stati usati dal Fuhrer. Sono foto di lui con questi oggetti», fanno sapere gli esperti.

La polizia sta tentando di accertare come questi pezzi siano finiti in Argentina e nello specifico in una stanza nascosta dietro ad una libreria della casa. Secondo gli investigatori e della comunità ebraica di Argentina son ostati portati nel Paese da alti gerarchi nazisti dopo la guerra quando il Paese sudamericano divenne un rifugio per sottrarsi alla cattura e ai processi per crimini di guerra. In argentina infatti arrivarono personaggi del calibro di Adolf Eichmann, mente dell’Olocausto, e il medico degli orrori Josef Mengele.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->