martedì, Settembre 21

Mina: la Tigre nell'Olimpo della musica Successi e vicissitudini della più grande interprete italiana di tutti i tempi da anni in esilio dalle scene

0
1 2


Dal dorato rifugio elvetico, inizia ad alimentarsi il mito, la leggenda; nessuno vedrà più pubblicamente Mina se non in un videoclip mandato in onda durante Sanremo 2009 dove ha interpretato la Turandot, e in rari e fortunati scatti rubati per strada.

In tutti questi anni, la Tigre ha inciso numerosi dischi, ha prodotto vari artisti, ha proseguito nella riproposizione di pezzi altrui nella propria particolare versione. Memorabili anche i brani interpretati in coppia con Riccardo Cocciante, ‘Questione Di Feeling‘ e soprattutto con Adriano Celentano, ‘Acqua E Sale‘, oltretutto l’album con Adriano ha venduto circa due milioni di copie.

Mina ha saputo stare al passo con i tempi sfruttando la diffusione del web, grazie al quale collabora con importanti testate. Detiene il primato di copie vendute, 150 milioni, primatista assoluta ed il record è ancora migliorabile vista la sua inesauribile vena.
Una vita spesa per la canzone, un’impronta indelebile nel sentiero della musica italiana, un’artista apprezzata ed ammirata in tutto il mondo. Per concludere e celebrarla con le parole di uno dei suoi tantissimi successi: «Sei grande, grande, grande come te sei grande solamente tu…».

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->