venerdì, Settembre 17

Mille volte quattro luglio field_506ffb1d3dbe2

0

garibaldi

Molti avvenimenti storici ricorrono il 4 luglio, per esempio la data di nascita di Giuseppe Garibaldi (Nizza, 4 luglio 1807). Un uomo complesso: condottiero, patriota, animalista, donnaiolo, poeta e chissà quante altre cose. Vi offriamo una piccola ‘rassegna virtuale’ che in qualche modo lo riguarda, nella convinzione che dentro ciascuno di noi viva un eroe e si estenda un intero Universo. Bisogna solo saperli vedere.

Nebulosa-granchio1Il 4 luglio 1054 nasce la Nebulosa del Granchio. Originata dall’esplosione della Supernova 1054, diventa improvvisamente visibile -in pieno giorno- praticamente da tutto il pianeta Terra. Le memorie di diversi popoli del mondo (specie arabi e cinesi) conservano traccia di questo fenomeno straordinario, che resta visibile a occhio nudo, anche di notte, per ben 23 giorni consecutivi.

Il cielo stellato è una componente importante nella poetica garibaldina. La Stella dei Mille donata a Garibaldi nel 1861 si ispira alla visione di Arturo, una delle tre stelle più luminose della volta celeste, che l’eroe e Nino Bixio ammirarono nella notte prima della battaglia per Palermo.

Gli innamorati non dovrebbero dimenticare la data del 4 luglio 1300. William Shakespeare fa incontrare Romeo e Giulietta proprio in questo giorno e sempre il 4 luglio, ma nel 2008, è andata in scena la prima esecuzione integrale dell’omonimo balletto di Prokof’ev (guarda il filmato della Danza dei Cavalieri). romeoComposto nel 1935 e rappresentato molte volte in una versione priva del lieto fine originale (nel timore di incorrere nell’accusa di “degenerato modernismo” che la ‘Pravda‘ aveva assegnato ad artisti come Šostakovič) il balletto ricostruito viene rappresentato il 4 luglio 2008 dal Mark Morris Dance Group, che fa partire proprio in quella data una tournée mondiale (qui accanto, un’immagine dello spettacolo).

Gli amori dell’Eroe dei Due Mondi sono un altro tema sul quale si esercita la memoria garibaldina. Giuseppe Garibaldi ebbe tre mogli, otto figli (4 da Anita) e innumerevoli legami con altre donne.

Il 4 luglio è una data fondamentale per gli Stati Uniti d’America. Nel 1776 il Congresso Continentale approva la Dichiarazione di Indipendenza dal Regno Unito; questa data, nella quale furono fondati gli USA, è nota come Independence Day. 190 anni dopo, nel 1966, il Presidente statunitense Lyndon Johnson tramuta in legge il Freedom of Information Act. La legge, che sarebbe entrata in vigore esattamente un anno dopo, prevede un altissimo livello di trasparenza per l’amministrazione statunitense ed è uno dei simboli mondiali della libertà di informazione. Restiamo negli Stati Uniti: il 4 luglio 1971 Michael Stern Hart porta in digitale la Dichiarazione d’Indipendenza, creando il primo ebook del celebre Progetto Gutenberg.

A chi conosca un po’ la vita di Garibaldi non suonerà troppo strano che, alla richiesta di partecipare con i nordisti agli eventi della guerra civile americana, abbia risposto chiedendo in cambio la liberazione di tutti gli schiavi. E no, Garibaldi alla fine decise di non partecipare all’impresa.

La poesia e la letteratura americane e mondiali celebrano il 4 luglio del 1855. A Brooklyn esce la prima edizione di ‘Leaves of Grass‘ (‘Foglie d’Erba‘), il più celebre libro di poesie di Walt Whitman. Dieci anni dopo (indovinate un po’ la data?) goblin marketviene pubblicato anche ‘Alice nel paese delle meraviglie‘. Il titolo completo dell’opera (‘Alice’s Adventures in Wonderland’) è tradotto in italiano come ‘Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie‘, anche se circola più facilmente nella forma abbreviata. Una delle storie per bambini più note è anche un racconto fortemente simbolico, in parte ispirato al poema Goblin Market di Christina Rossetti (figlia del patriota e scrittore Gabriele e sorella del preraffaellita Dante Gabriele).

Garibaldi fu poeta e romanziere. Le sue poesie non sono belle come i testi delle ‘Memorie‘, o dei romanzi. Piccoli ‘peccati di stile‘, però, se si considera la mole quasi mitologica di tutte le sue imprese e il fatto che senza dubbio viaggiò parecchio.

Parliamo ancora di ‘movimento‘, dunque, per pensare a quante cose siano accadute il 4 luglio nel mondo delle macchine: nel 1837 si inaugura la prima ferrovia a lunga distanza del mondo (Grand Junction Railway tra Birmingham e Liverpool), nel 1840 il battello Britannia della Cunard Line RMS realizza la prima traversata atlantica di una nave passeggeri (partendo da Liverpool per raggiungere Halifax, in Nuova Scozia). 

imagesIl 4 luglio 1957 ecco di nuovo l’Italia all’onore delle cronache: la Nuova 500, la Fiat che più di tutte rappresenta un’epoca e uno stile italiano, si presenta al pubblico. E torniamo di nuovo tra le stelle ricordando l’impresa del 4 luglio 1997, quando la sonda Pathfinder della NASA tocca il suolo di Marte per la prima volta, senza però trovare alcun omino con le antenne a spasso sulla superficie del pianeta. 11 anni dopo il CERN annuncia, con la voce di un gruppo di ricerca quasi totalmente italiano, la prova dell’esistenza del Bosone di Higgs.

La prima osservazione della Particella di Dio‘ (questo il suo nomignolo) è stata presentata al pubblico esattamente 200 anni dopo la nascita di Giuseppe Garibaldi. Un bel modo per festeggiare il compleanno, no?

Un’ultima curiosità: fu promossa da Garibaldi la Regia società torinese protettrice degli animali (poi diventata ENPA). Garibaldi pensava che «Proteggere gli animali contro la crudeltà degli uomini, dar loro da mangiare se hanno fame, da bere se hanno sete, correre in loro aiuto se estenuati da fatica o malattia, questa è la più bella virtù del forte verso il debole». 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->