martedì, Settembre 28

Mikhail Kalashnikov e il monumento che divide La scultura, che rappresenta l'inventore del fucile con l'arma in mano, è alta 7,5 metri ed è costata oltre 500mila euro

0

Martedì nel centro di Mosca, nel giorno dell’armaiolo, una festa ufficiale, è stato inaugurato il monumento al creatore del fucile d’assalto Kalashnikov. La scultura rappresenta Mikhail Kalashnikov, morto nel 2013 a 95 anni e sepolto nel Panteon degli eroi nel cimitero memoriale militare, che impugna l’arma. Il monumento è alto 7,5 metri ed è costato oltre 500mila euro.

L’istallazione del monumento ha suscitato molte polemiche. L’ex sindaco di Mosca Yurij Luzhkov ha detto che il monumento avrebbe dovuto essere eretto a Izhevsk, negli Urali, luogo di nascita di Kalashnikov, mentre il famoso critico d’arte e gallerista Marat Gelman ritiene che Mosca si stia trasformando in un cimitero a cielo aperto con tante sculture alle personalità defunte. Ma tante sono state le proteste di cittadini che non hanno digerito il monumento a chi, con la sua invenzione, ha seminato morte nel mondo. Diversi anche gli arresti durante la celebrazione.

Secondo la Chiesa ortodossa russa, alla fine della sua vita Kalashnikov avrebbe scritto una lettera di pentimento dopo aver visto in tv la sua arma nelle mani dei terroristi.

(video tratti dai canali Youtube di Euronews e Defense Updates)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->