lunedì, Agosto 15

Mike Pence sostiene l’opposizione iraniana in esilio, cambio di regime più reale La visita di Mike Pence ad Ashraf 3 dimostra la correttezza dell'approccio politico. Sottolineando una politica ferma nei confronti del regime al potere in Iran, l'Occidente starebbe su un terreno migliore anche prima di un eventuale cambio di regime

0

Giovedì 23 giugno, l’ex Vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence si è recato in Albania per visitare Ashraf 3, la residenza in esilio di circa 3.000 membri del principale gruppo di opposizione iraniano, l’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (MEK).

Ashraf 3 è stato istituito nel 2018 sulla scia dell’evacuazione dei membri del MEK dall’Iraq, dove risiedevano come comunità autosufficiente dagli anni ’80, prima di ritrovarsi assediati dalle milizie sostenute dall’Iran dopo l’invasione statunitense del 2003 e il successivo ritiro dal Iraq.

Ashraf 3 è diventato, negli ultimi anni, il punto focale dell’opposizione iraniana contro il regime clericale.

La visita di Mike Pence ad Ashraf 3 segue solo un mese dopo una visita simile dell’ex Segretario di Stato americano Mike Pompeo. In quel momento, ho scritto che i leader europei dovrebbero prestare attenzione alle parole di Pompeo a sostegno pubblico della Resistenza iraniana. Ho detto che lo stato esplosivo della società iraniana suggerisce che questo regime vive a scadenza. Prima o poi, il popolo iraniano e il suo movimento di resistenza porteranno il cambiamento in Iran. Spetta ai leader europei decidere da che parte stare“.

Un cambiamento in Iran verso la democrazia non è solo un problema iraniano, anche se dovrebbe provenire dall’interno dell’Iran e da nessun altro. Ma una volta concretizzati, gli effetti regionali stabilizzanti andrebbero ben oltre l’Iran. I mullah iraniani sono oggi parte di qualsiasi problema nel travagliato Vicino e Medio Oriente.

La visita di Mike Pence ad Ashraf 3 dimostra la correttezza dell’approccio politico. Sottolineando una politica ferma nei confronti del regime al potere in Iran, l’Occidente starebbe su un terreno migliore anche prima di un eventuale cambio di regime in Iran.

Questa è la nostra unica contro azione di fronte all’avventurismo regionale iraniano, che mirava a costringerci ad accettare tale comportamento come uno strumento utilizzabile nell’arena diplomatica. Tali dispositivi non rimarrebbero utilizzabili solo nella regione.

Nel giugno 2018, quattro agenti iraniani, tra cui un diplomatico di alto rango, sono stati ostacolati nel tentativo di far esplodere un ordigno esplosivo durante la manifestazione annuale del CNRI appena fuori Parigi. Decine di migliaia di espatriati iraniani hanno partecipato alla manifestazione. Il successivo processo di quegli agenti stabilì che le massime autorità della Repubblica Islamica avevano ordinato quell’attacco, che avrebbe potuto ferire o uccidere dignitari americani ed europei intervenuti per mostrare il loro sostegno al MEK e alle sue “Unità di Resistenza” che lavoravano per il rovesciamento di la dittatura teocratica.

I quattro hanno ricevuto fino a 20 anni di carcere in Belgio e ora stanno scontando la pena.

Tuttavia, l’obiettivo principale di quel complotto era Maryam Rajavi, la presidente eletta del CNRI, che alla fine dovrà servire come presidente di un governo di transizione nel futuro Iran.

Pence ha affermato: “Il piano in dieci punti di Maryam Rajavi per il futuro dell’Iran garantirà la libertà di espressione, la libertà di riunione, la libertà per ogni iraniano di scegliere i propri leader eletti“.

Ha definito il piano “una base per costruire il futuro di un Iran libero”.

I disordini interni si sono intensificati in tutta la Repubblica islamica, portando avanti un modello che è in corso dalla fine del 2017, quando una rivolta nazionale ha coinvolto più di 100 città e paesi e ha portato slogan come “morte al dittatore” più pienamente nel mainstream.

L’Iran ha subito almeno nove di queste rivolte in meno di cinque anni. Questi sono stati alimentati dal malcontento economico, ma hanno invariabilmente fornito uno sbocco per espressioni di indignazione geograficamente e demograficamente diverse nei confronti del sistema di governo. I disordini sono stati costanti da quando il regime ha rimosso i sussidi alimentari all’inizio di maggio, dimostrando che il popolo iraniano può aspettarsi che la sua situazione continui a peggiorare e che il governo iraniano non ha alcun interesse a modificare le sue priorità per alleviare quella sofferenza.

Tale intransigenza politica fornisce carburante al movimento per garantire il cambio di regime, energia che è stata utilizzata in egual misura dagli attivisti dell’opposizione iraniana in esilio e dalle Unità di Resistenza che promuovono il piano in 10 punti del MEK all’interno della Repubblica Islamica.

L’alternativa politica dell’Iran sta mostrando la sua immagine più che mai.

L’idea sbagliata, sponsorizzata dai mullah e dalle loro lobby politiche, che il mondo occidentale debba abbracciare il regime esistente o rischiare il caos in Iran, non ha resistito al controllo. Ma forse non è mai stato così palesemente falso di quanto non lo sia oggi. Né il regime esistente è mai stato così vulnerabile come lo è ora. Esperti come Pence e Pompeo stanno esortando tutti noi a sfruttare questa situazione.

In meno di un mese si svolge la manifestazione annuale del CNRI, con una conferenza in Albania unita attraverso decine di migliaia di punti virtuali in altre parti del mondo per risuonare con l’alternativa democratica iraniana. Un’occasione privilegiata di confronto sull’attuale situazione iraniana che non mi perdo mai.

Ma l’Europa dovrebbe unirsi allo sforzo in atto. L’anno scorso, il primo ministro sloveno Janez Jansa, capo ad interim della presidenza di turno dell’UE, ha partecipato all’incontro con un messaggio forte chiedendo che i mullah iraniani fossero ritenuti responsabili della loro violazione sistematica dei diritti umani.

Le visite di Pence e Pompeo quest’anno dovrebbero incoraggiare atti così decisi in Europa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giulio Terzi è un ex Ministro degli Esteri italiano, ex ambasciatore italiano negli Stati Uniti, ex rappresentante permanente dell'Italia presso le Nazioni Unite e membro dell'Advisory Board di United Against Nuclear Iran (UANI)

End Comment -->