giovedì, Maggio 13

Mike Hughes e il razzo ‘fai da te’ per dimostrare che la Terra è piatta L'impresa nel deserto del Mojave, in California, alla velocità di 534km/h, ma a 600 metri di altezza si è dovuto lanciare con un paracadute

0

La Terra è piatta o tonda? Beh, le immagini della Nasa (e non solo), dimostrano che è tonda, ma c’è chi propende ancora per la prima ipotesi. Oggi il dibattito è tra la Flat Earth Society, che nasce in Inghilterra nel 1956 come antagonista della NASA, e l’agenzia americana stessa.

In particolare sono convinti che il nostro pianeta sia piatto, alla stregua di un disco, e allo stesso modo anche gli altri pianeti dell’universo, che la Terra sia ferma, anziché roteare su se stessa, e che sia il centro dell’universo. Il Sole e la Luna, anch’essi dei dischi, avrebbero un raggio di pochi chilometri e sarebbero posizionati all’interno di una cupola che racchiuderebbe il nostro pianeta, ai bordi del quale ci sarebbe una cintura di ghiacci controllata dai militari per non farci sapere cosa c’è oltre i confini del mondo.

Ma c’è anche chi vuole dimostrare che la Terra è piatta a modo suo. E parliamo di Mike Hughes, detto anche Mad Mike, un autista di limousine che nel 2017 era diventato famoso per aver costruito un razzo, a bordo del quale voleva provare che la Terra è in realtà piatta. Ebbene è riuscito nella sua impresa, lanciandosi con il suo missile artigianale nel deserto del Mojave, in California, alla velocità di 534km/h, ma a 600 metri di altezza si è dovuto lanciare con un paracadute. Il suo prossimo obiettivo è quello di costruire un razzo ancora più potente, che secondo i suoi calcoli lo porterebbe a 109 km da terra.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->