sabato, Maggio 8

Migranti: si aggrava la situazione in Grecia

0
1 2


Atene – Cresce ancora il numero di migranti e richiedenti asilo. Stando alle stime dei mesi scorsi, delle 218.000 persone entrate in Europa, sono 210.000 quelle passate attraverso la Grecia: nonostante il carattere internazionale e, più specificamente, europeo della questione, la Grecia resta il Paese con il maggior numero di arrivi.

La macchina dell’accoglienza è al collasso: la Direttiva europea in materia di asilo prevede che sia consentito l’ingresso a chiunque giunga alla frontiera di uno Stato membro per richiedere asilo politico, rimandando la verifica a un secondo momento, vista anche la lentezza del percorso legale che permette di fare distinzione tra rifugiati politici e migranti per motivi economici. Una procedura questa che potrebbe funzionare se la portata dei flussi fosse più contenuta.

Dopo la costruzione di una barriera in Tracia, sul confine tra Grecia e Turchia, i flussi si sono spostati verso il mar Egeo, trasformando le isole orientali, specialmente le isole turistiche di Kos e Lesbo, in importanti crocevia delle rotte migratorie con centinaia di arrivi giornalieri.

L’Unione Europea fatica a trovare una posizione comune: se la Germania cambia atteggiamento, altre Nazioni hanno chiuso le loro frontiere e costruito barriere anti-migranti. Quello dei flussi migratori si sta rivelando un problema per l’Europa, e cominciano a farsi avanti le prime reazioni contro la politica dell’accoglienza.

La Grecia, già provata dalla crisi economica, si ritrova ad affrontare una crisi umanitaria senza precedenti e a giocare un ruolo chiave nella gestione dei flussi, con la realizzazione dei cosiddetti ‘hotspot’, i centri di accoglienza e registrazione dei profughi, dove i migranti rischiano di restare bloccati, con possibili ripercussioni sulla coesione sociale e sulla sicurezza nazionale.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->