venerdì, Luglio 30

Migranti: quali Paesi si stanno impegnando? Secondo l'UNHCR sono 47 mila i migranti arrivati solo nel primo mese del 2016

0

Un esercito di migranti continua implacabile a raggiungere l’Europa, anche con il freddo invernale. Secondo l’Organizzazione mondiale per le migrazioni (OIM) dall’inizio del 2016 i migranti giunti in Grecia e in Italia sono oltre 37 mila. Per l’Alto commissariato dei rifugiati Onu (UNHCR) sono addirittura 47 mila.

Malgrado le pessime condizioni del mare, in molti continuano a imbarcarsi su barche di fortuna, vendendo tutto ciò che hanno per accaparrarsi un posto, per raggiungere le coste europee. Da lì, cercano tutti di raggiungere il Nord dell’Europa, tramite la rotta balcanica. Il 2015 è stato l’anno record per le migrazioni, con l’arrivo eccezionale di oltre un milione di profughi, che ha fatto scattare l’allarme in Europa.

A settembre 2015, con una riunione straordinaria dei Ministri dell’Interno europei, si era varato un piano di ricollocamento di 160 mila rifugiati così da alleggerire l’Italia e la Grecia, i primi porti d’arrivo dei migranti. Ai fatti però il ricollocamento dei richiedenti asilo procede con estrema lentezza, senza alleviare situazioni di estremo stress.

Alcuni Paesi dell’Est come l’Ungheria non si stanno però impegnando affatto: Budapest non solo non si è impegnata a accogliere anche in un futuro prossimo rifugiati, ma ha innalzato un muro di 175 chilometri alla frontiera con la Serbia. La Bulgaria ha innalzato i suoi 30 metri di filo spinato al confine con la Turchia. La Grecia ha innalzato un muro al confine con la Turchia in prossimità del fiume Evros, mentre sul lato Ovest, la Spagna ha rinforzato la barriera di 18 chilometri per contenere gli arrivi nelle enclavi di Ceuta e Melilla.

E’ di queste ore la notizia che la Svezia ha deciso di rimpatriare fino a 80 mila persone, sostenendo che queste non abbiano diritto all’asilo. E’ probabile che queste persone saranno spedite nei propri Paesi di provenienza o nei primi Paesi europei in cui sono giunte. Stesso provvedimento è stato annunciato dalla Norvegia, che rimpatrierà i migranti, senza neanche esaminare la domanda d’asilo.

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->