domenica, Settembre 26

Migranti, fra integrazione e cooperazione field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


L’immigrazione è l’assoluta protagonista dell’estate 2015 perché la politica italiana non vuole prendere le decisioni opportune. Servono politiche di integrazione per favorire un inserimento che non sia uno scontro bensì un incontro di persone, dove vivere pacificamente scambiandosi quella ricchezza culturale che contraddistingue le popolazioni. La propaganda condotta dai politici italiani contro l’immigrazione, a cominciare da quella adottata da Matteo Salvini, non favorisce uno scambio di idee su come intervenire, accentuando soltanto i toni sociali e favorendo le proteste dei cittadini.
La politica dovrebbe far fronte alle necessità di uno Stato ma in questo caso fomenta persone e surriscalda il clima già troppo rovente. Al largo del Mar Mediterraneo c’è il team dei sanitari del Corpo italiano dell’Ordine di Malta per soccorrere migranti a bordo delle motovedette e delle navi del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, dei pattugliatori della Guardia di Finanza e, dal 2014, a bordo delle navi della Marina Militare. Quando i flussi si intensificano il Cisom garantisce la presenza anche per le unità navali maggiori della Guardia Costiera che restano in pattugliamento nel Mar Mediterraneo.
La complessità delle operazioni effettuate dagli equipaggi delle motovedette e dai sanitari del Cisom, comprese le delicate attività di soccorso di un’imbarcazione stracolma fino all’inverosimile di bambini, donne e uomini, rende difficile anche il racconto quotidiano. Questa operazione inizia appena i migranti salgono a bordo e prosegue durante la navigazione. Sul problema politico dell’immigrazione prende posizione Mauro Casinghini, Direttore nazionale del Cisom, intervenuto più volte affinché il concetto di “Europa Fortezza” possa trasformarsi in Europa dell’integrazione, quasi a ribadire con forza l’importanza del ruolo della politica italiana ed europea.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->