sabato, novembre 17

Migranti, è di nuovo scontro Italia-Francia Parigi, rimpasto di governo. GB-Ue, ore calde per la Brexit

0

«Stiamo osservando con molta attenzione e con grande preoccupazione lo sviluppo delle relazioni tra la Chiesa ortodossa russa e il Patriarcato ecumenico». Lo ha detto il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov. «Speriamo che prevalga il buon senso ma allo stesso tempo ci auguriamo che tutti gli interessi della Chiesa ortodossa russa siano rispettati», ha detto alla Tass.

In Somalia, un raid aereo Usa ha ucciso circa 60 combattenti di al-Shabaab. Lo rende noto il Pentagono. Tra le vittime non ci sarebbe alcun civile.

In Brasile, a meno di due settimane dal secondo turno delle elezioni presidenziali, Jair Bolsonaro consolida il suo vantaggio su Fernando Haddad. Gli ultimi sondaggi parlando di poco meno del 60% delle intenzioni di voto, contro il 41-42% del suo rivale, l’erede politico di Lula da Silva.

Chiudiamo con l’arrivo in Europa del premier giapponese Shinzo Abe. Nel corso del viaggio di 5 giorni, Abe si recherà prima in Spagna, dove incontrerà il premier Pedro Sanchez e il Re Filippo VI, per celebrare il 150esimo anniversario dell’avvio dei rapporti bilaterali tra i due Paesi. Mercoledì sarà ospitato dal presidente francese Emmanuel Macron per discutere di sicurezza marittima e cooperazione navale. La visita si concluderà a Bruxelles, con la partecipazione al vertice Asia-Europa (Asem) del 18 ottobre. Abe discuterà degli sviluppi del programma di denuclearizzazione deciso dalla Corea del Nord e la nuova assertività della Cina nelle acque confinanti con il Giappone a sud ovest dell’arcipelago. Previsti anche colloqui con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e altri leader di stato, tra cui il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte.

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore