venerdì, Settembre 24

Messico: il lavoro per ripristinare le cascate di Agua Azul Il terremoto del 7 settembre aveva interrotto il lusso di acqua. A lavorare un gruppo di campesinos

0

Il terremoto di magnitudo 8,2 che ha colpito il Messico il 7 settembre scorso aveva rovinato uno dei più grandi spettacoli della natura, le cascate di Agua Azul. Acque limpide, cristalline, uno scenario mozzafiato, che rischiava di morire dopo il sisma. E invece un gruppo di campesinos del villaggio di Arroyo Agua Azul, municipio di Tumbalá, nel Sud dello stato messicano del Chiapas, ha trovato il tempo di lavorare per riportare nel suo alveo il fiume locale.

Il terremoto aveva fatto deviare il percorso del fiume, lasciando a secco le cascate di Agua Azul, che sono la perla di un parco naturale. E a farne le spese ovviamente era il turismo, drasticamente diminuito. «La maggior parte degli abitanti della zona dipende dalle cascate. E quando le hanno viste progressivamente scomparire, si sono detti che non potevano stare con le mani in mano», hanno detto alcuni volontari.

Secondo le autorità locali, le Agua Azul dovrebbero tornare a scorrere limpide entro un mese: le loro acque turchesi sono il risultato del passaggio attraverso minerali provenienti da rocce calcaree.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->