sabato, Settembre 18

Mercato dell’energia, tutte le novità di quest’anno da conoscere Tra le più interessanti: il passaggio dal Mercato Tutelato al Mercato Libero dell’Energia, l’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo sull’energia elettrica e la pubblicazione delle nuove modalità di richiesta del Bonus Energia 2020

0

Il 2020 è un anno ricco di novità per il mercato energetico e alcune sembrano particolarmente importanti. Tra queste le più interessanti riguardano: il passaggio dal Mercato Tutelato al Mercato Libero dell’Energia, l’entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo sull’energia elettrica e la pubblicazione delle nuove modalità di richiesta del Bonus Energia 2020. Vediamo di scoprirle.

Mercato libero, si avvicina la fine del regime tutelato

La fine del Mercato Tutelato ormai è alle porte per cui tutti i consumatori devono decidere, quanto prima, di passare al Mercato Libero. Chi vuole effettuare fin da subito il passaggio al Mercato Libero di luce e gas può leggere guide online di approfondimento realizzate da grandi fornitori come Acea e richiedere il supporto del nuovo venditore in caso di bisogno. Il Governo intanto ha prorogato la precedente data di scadenza, fissando la nuova al gennaio 2022, almeno per quello che riguarda i privati. Contestualmente ha invitato le aziende che operano nel Mercato Libero a diversificare le loro offerte, migliorando sia la disponibilità al confronto che la chiarezza dei contratti con particolare riferimento ai dati e agli eventuali bonus. D’altronde a disporre delle modifiche alle tariffe nel Mercato Tutelato poteva essere solo l’Agenzia per l’Energia. Da oggi invece le società private, che vendono le risorse energetiche, potranno liberamente concordare il prezzo con l’utente finale.

Entra in vigore il nuovo Regolamento Europeo sull’energia elettrica

Il Regolamento europeo per l’Energia elettrica 2019/943, che fa parte dell’Energy Package, è entrato in vigore il 1° gennaio, e sostituisce il vecchio Regolamento sull’elettricità CE/714/2009. Il 2019/943 consente un maggiore accesso alle energie rinnovabili euna risposta più efficace a richiesta e conservazione. Una realtà che si traduce in più potere agli utenti sulla gestione delle rinnovabili e una maggiore fluidità sulla transizione energetica. Il tutto è orientato, come è stato spiegato esplicitamente, a “ottenere un efficace decarbonizzazione al minor costo”, e a far sì che “il futuro sistema dell’energia elettrica debba promuovere l’efficienza energetica”. E col nuovo Regolamento Europeo cambia anche la figura dell’utente, che da meramente passivo diventa partecipe del mercato in prima persona. Ciò consentirà ai consumatori di poter diventare anche gestori, sia del proprio consumo energetico che della eventuale vendita della stessa energia, prodotta con impianti solari, eolici, o geotermici.

Le nuove modalità di richiesta del Bonus Energia 2020

Il Bonus Energia è lo sconto che il gestore applica sui conti della bolletta del consumatore. Questo sconto viene dato ovviamente su richiesta e concesso a chi rientra nei termini previsti dalla normativa che disciplina la materia. Mediamente questo sconto è riservato alle famiglie numerose e a basso reddito, ma tocca anche a chi ha in casa persone con disagi fisici che comportano un uso medicale dell’energia elettrica. Il modulo lo si può richiedere al proprio Comune o scaricare dal sito dell’AEEG o da quello del Ministero dello Sviluppo Economico. C’è il modulo “B” che serve per la richiesta e il modulo “RS” per il rinnovo. Il “VR” invece serve a comunicare il cambio di residenza. Una volta compilata la richiesta, questa va presentata presso gli uffici addetti nel Comune di residenza, oppure si può avviare la pratica tramite un CAF.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->