domenica, Settembre 19

Meno macchine VW con emissioni nocive? Minor numero delle macchine Volkswagen coinvolte dieselgate ed emissioni nocive

0

La ditta automobilistica Volkswagen (VW) segna un punto a suo favore dopo le settimane di sofferenza seguite allo scoppio dello scandalo del dieselgate e Co2 nocive, soltanto  36.000 automobili sulle 800.000 stimate all’inizio con emissioni di anidride carbonica superiori ai livelli indicati. Dopo le verifiche condotte dal Kaftfarth-Bundesamt, organismo statale tedesco di controllo, che fanno parte della seconda parte dello scandalo relativa alle emissioni di anidride carbonica e ossido di azoto superiori a quelle indicate: “Il sospetto che i valori dei veicoli attualmente in produzione siano stati modificati non è stato quindi confermato: ciò significa che questi veicoli possono essere commercializzati e venduti senza alcuna limitazione” e “solo nove modelli mostrerebbero leggere deviazioni“, così afferma Volkswagen in un comunicato aziendale. L’azione Volkswagen si muove in netto rialzo a Francoforte mettendo a segno un guadagno borsistico di oltre 6,5 punti percentuali a 141 euro. Tale notizia pare confermare le stime presunte fatte dall’emittente Bloomberg a inizio novembre scorso, vi mostriamo un video prodotto dalla sezione ‘Business’ di tale televisione

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Bloomberg Business‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->