lunedì, Maggio 10

Melania Trump vs Michelle Obama: le prove del plagio field_506ffb1d3dbe2

0

«Vi presento la futura First Lady degli Stati Uniti d’America, mia moglie Melania Trump». Così Donald Trump ha introdotto la consorte che ha dato il via alla convention repubblicana a Cleveland. L’ex modella slovena si è subito detta «fiera di essere cittadina americana dal 2006», poi è partita nell’elogio del marito: «Solo lui è in grado di risolvere i problemi dell’America», «Donald si prenderà cura di tutti, dei bianchi, dei neri, dei latinos, dei poveri, della middle class, dei veterani». Ma nel mirino è finito una parte del suo discorso, a molti parso sin da subito troppo ‘familiare’. Eh sì, perché era stato pronunciato nel 2008 da Michelle Obama, anche lei durante la convention democratica che poi avrebbe eletto il marito come candidato alla Casa Bianca. Lo staff di Donald Trump si è subito lanciato in una difesa a spada tratta della consorte del magnate newyorkese, ma si sa, la Rete non perdona. Ed ecco arrivare il confronto diretto tra il discorso di Melania Trump e Michelle Obama. A voi la valutazione.

Ma non è tutto per Melania Trump. Sì, perché nelle ultime ore spunta anche una ‘fasulla’ laurea in architettura e design, conseguita in Slovenia (come si legge anche sui profili dei relatori pubblicati sul sito della convention). Sull’Huffington Post spiegano la questione due giornalisti sloveni, Bojan Pozar e Igor Omerza: «Nel suo primo anno di iscrizione, la diciannovenne Melanija Knavs frequentò i seguenti corsi: elementi di architettura, belle arti, tecnica meccanica di base, costruzione architettonica, geometria descrittiva, matematica e una materia a scelta di ideologia (leggi: comunista) dal titolo ‘La resistenza partigiana e l’autoprotezione sociale’. Melanija avrebbe dovuto passare al secondo anno, anche se non aveva passato due esami, ma tutti pensavano che li aveva passati, fece un mese di stage e tenne anche un diario sull’esperienza. Più tardi, in America, dopo aver incontrato Donald Trump ed essere diventata ufficialmente la sua compagna, Melania Knauss raccontò ai media che aveva ottenuto una laurea in architettura e design. Questo avvenne certamente dopo essersi consultata con Trump e i suoi consiglieri, che volevano a tutti i costi vendere l’impressione che la modella slovena non era solo bella, ma anche colta e intelligente».

(video tratti dai canali Youtube della BBC e di USA Today)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->