domenica, Settembre 19

Meeting Kerry-Lavrov: un accordo difficile? field_506ffb1d3dbe2

0

John Kerry, Segretario di Stato USA,  è in viaggio a Mosca per discutere fondamentali e difficili questioni politiche con il Ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, e prima di incontrare Vladimir Putin, il Presidente russo, anche per avere una linea comune da seguire per porre fine alla guerra civile e militare in Siria e ripristinare la stabilità in Ucraina orientale. Tale visita è inquadrata nelle politiche in vista della prossima riunione del Gruppo di sostegno internazionale in Siria, da tenersi venerdì prossimo a New York, come ha riferito un alto funzionario del Dipartimento di Stato ha detto.

Russia e Stati Uniti non concordano infatti tra loro sulla transizione politica che dovrebbe fermare o almeno arginare la guerra in Siria, con gli Stati Uniti che non vogliono che Bashar al- Assad partecipi al governo provvisorio, appoggiato invece da Mosca, e sull’approccio militare da usare per combattere il gruppo dello Stato Islamico. Riguardo la questione Ucraina, i due Paesi sono divisi per trovare una soluzione all’accordo profilatosi nel febbraio scorso e sull’attuazione dei cosiddetti accordi di Minsk, destinati a terminare le ostilità tra il governo di Kiev e separatisti russi dell’Est. “La situazione che circonda il rapporto russo-americano resta complicato. La Russia ha costantemente sottolineato la necessità di rispettare i princìpi di uguaglianza, il rispetto reciproco, e non interferenza“, ha detto il Ministero degli Esteri russo. Tuttavia ha detto il funzionario del Dipartimento di Stato degli USA pur affermando che Kerry avrebbe accettato le ‘sfide’ proposte dalla Russia ha ribaditoNoi non stiamo giocando, ‘Facciamo un affare’ qui, scambiando l’Ucraina per la Siria” e ha aggiunto “Si tratta di questioni distinte con percorsi differenti e complessi che comunque vanno portati avanti.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘RT’, ‘Ruptly TV’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->