giovedì, Ottobre 28

Medico cinese conquista i cuori in Tibet Luogo ad alto rischio per le cardiopatie

0

002564bc654b14ac61043a

Negli ultimi due anni, Zhang Weida, 56 anni, direttore del reparto di chirurgia cardiotoracica del General Hospital di Guangzhou Comando Militare dell’Esercito di Liberazione del Popolo, si è recato più volte in varie province tibetane remote e Lhasa, capitale della regione, per dare controlli e servizi medici gratuiti a circa 20.000 bambini. Per il medico Zhang, la regione autonoma del Tibet non è solo una terra santa piena di cieli azzurri e vaste praterie, ma anche un luogo ad alto rischio per la malattia cardiaca congenita. «La regione è altamente vulnerabile a malattie cardiache congenite a causa della sua alta quota di latitudine in cui si trova», dice Zhang.
Durante il suo primo viaggio in Tibet nel luglio 2012, Zhang ha trascorso cinque giorni in Nagqu, Baingoin e Nyima e diede controlli gratuiti a 639 bambini affetti da questa malattia.

Ha deciso di portare a Guanzhou (Canton) circa 70 bambini con tale malattia per dare loro un intervento chirurgico gratuito. «La malattia cardiaca congenita può essere fatale se non viene trattata in tempo. Ma la maggior parte dei bambini può uscirne totalmente sani e forti dopo l’intervento chirurgico», ha detto il medico.
Dopo il primo viaggio, Zhang, insieme ai suoi collaboratori, ha eseguito con successo un intervento chirurgico gratuito a 126 bambini tibetani affetti dalla malattia, «Mi sono sentito molto felice e soddisfatto quando la loro vita è tornata normale dopo l’intervento chirurgico».

Zhang ha parlato dopo una visita di successo da un gruppo di 23 bambini tibetani che si sono recati a Guangzhou per ricevere un intervento chirurgico gratuito il 21 marzo.
«Sono rimasto sorpreso nello scoprire che ci sono oltre diecimila i bambini affetti daa cardiopatie congenite ogni anno nel Guangdong. E la maggior parte dei bambini provengono da famiglie a basso reddito», dice Zhang .
Secondo l’autorità sanitaria e la pianificazione familiare del Guangdong, ogni anno circa all’8 per cento dei neonati è stata diagnosticata la malattia nella provincia.
Dopo aver visitato una remota zona montagnosa di Guangdong, Zhang ha scoperto che molti bambini con la malattia non ricevono un intervento chirurgico a causa dell’elevato costo del trattamento.
In Puning contea di Jieyang, nel Guangdong orientale, solo il 3 per cento dei bambini con la cardiopatia ha ricevuto un intervento chirurgico, secondo Zhang.
«Ero molto triste. Loro (i bambini con cardiopatia congenita) avrebbero avuto una vita migliore se avessero ricevuto un intervento chirurgico», dice Zhang .
L’intervento gratuito è stato possibile grazie ad un programma di carità, che è stato lanciato congiuntamente dal Dipartimento Affari Civili Guangdong e Guangdong Charity Federation nell’aprile 2000.
Il primo programma mirato di persone sotto i 18 anni nel Guangdong e successivamente ampliato a livello nazionale, secondo Zhang .

Come medico veterano specializzato in chirurgia di malattie cardiache congenite, Zhang ha visitato altre località al di fuori del Tibet, compresa la regione dello Xinjiang Urgur autonoma, la regione autonoma della Mongolia Interna, Yunnan, Guizhou, Guangdong e Hunan per offrire interventi chirurgici gratuiti a più di 7.000 bambini diagnosticati con la malattia negli ultimi sette anni. «La maggior parte dei bambini affetti da malattie cardiache continentale vivono in povertà zone colpite e le loro famiglie non possono permettersi l’elevato costo delle cure mediche . Gli ambulatori gratuiti sono di grande importanza per dare una nuova vita alla famiglia», dice Zhang.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->