mercoledì, Aprile 14

McDonald chiude il suo programma di nutrizione nelle scuole field_506ffb1d3dbe2

0

La catena di fast food McDonald ha terminato il suo programma scolastico sulla nutrizione che ha avuto luogo nello Stato dell’Iowa grazie all’insegnante di scienze John Cisna, che girò per il Paese per quasi un anno per parlare con gli studenti sulla perdita di peso. Il testimonial è stato fortemente criticato da insegnanti, genitori e sostenitori della salute pubblica che accusavano McDonald di cercare di attirare i giovani verso il cibo malsano.

Cisna è noto per aver perso nel 2014 60 libbre (ovvero 37 chili) – scendendo da 280 a 220 libbre di peso – in 90 giorni mentre si nutriva principalmente con il cibo prodotto dal fast food McDonald. Una storia che è stata trasformata in un documentario dal titolo ‘540 Pasti: la scelta fa la differenza’. Il suo esperimento doveva durare per 90 giorni, ma Cisna ha poi esteso a 180 giorni dopo essersi accorto che aveva anche abbassato il suo colesterolo. Ha poi anche aggiunto alla sua routine quotidiana 45 minuti di camminata per quattro o cinque volte a settimana.

Proprio per questo suo esperimento, la società lo ha assunto come testimonial nel 2015 e gli forniva uno stipendio per il tempo che impegnava a portare la sua testimonianza nelle scuole.

Ai suoi studenti insegnava un programma in cui pianificare tutti i pasti della giornata e la creazione di 56 diverse combinazioni di pastitutti comprendenti una piccola porzione di patatine fritte – che non dovevano superare il quantitativo calorico giornaliero di 2000 calorie

Cisna in realtà non sta promuovendo McDonald. Infatti Cisna ha spiegato: «Voglio che la gente sappia che questo era niente di più che un esperimento. Non sto spingendo McDonald. Non sto spingendo fast food. Sto spingendo ad assumersi la propria responsabilità e a fare la scelta giusta per ogni individio».

Il programma aveva lo scopo di educare gli studenti sulla nutrizione e sulle buone abitudini alimentari, anche quando nella propria alimentazione è presente cibo proveniente dai fast food, ma i critici sostengono che in realtà i bambini imparavano solamente che gli hamburger e le patatine erano parte di una dieta sana ed accettabile.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Wochit News)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->