domenica, Ottobre 24

Max Bugani, incoerente, ora attacca Grillo Bugani contestatore dello stesso Grillo e del Movimento a cui fa una bella pubblicità dicendogli che sta per evaporare?

0

Max Bugani scese nel settembre 2019 in pompa magna a Roma per aiutare Virginia Raggi ed infatti ne divenne capo dello staff dopo essere stato mandato via dalla segreteria di Luigi Di Maio a Palazzo Chigi per una storia di interviste.

Da allora a Roma non ha combinato niente. Doveva spaccare la città eterna, ma si adeguò presto al tran tran ponentino e di lui si persero rapidamente le tracce. A inizio dello scorso anno lasciò anche Rousseau. Resta consigliere comunale a Bologna (ma non era contro i doppi incarichi?).

Ora, per amore o per forza, si è sempre più avvicinato alle posizioni di Alessandro Di Battista, cioè al populismo inziale del Movimento M5S, e ieri è arrivato anche ad attaccare la svolta del sostegno al governo di Mario Draghi: «Si manda via gente che ha dato il sangue al Movimento perché ha detto legittimamente no, rifiutando un quesito ridicolo e un governo come ne abbiamo già visti tanti in passato. Continuano a evocare Alessandro Di Battista come leader. Il vero rischio non è la scissione, ma l’evaporazione del M5S. Anche perché ora il Movimento dovrebbe governare con tutti e soprattutto con Forza Italia. Era la nostra linea invalicabile, ed è stata varcata», dice a ‘Il Fatto Quotidiano’.

E poi ancora: «In questi anni Grillo ci chiamava per spronarci e ci diceva di volare alto, ma ora, con tutto il bene che gli voglio, vorrei chiedergli io: ‘Beppe, come mai non riesci più a volare?». Insomma Bugani contestatore dello stesso Grillo e del Movimento a cui fa una bella pubblicità dicendogli che sta per evaporare?

Ma visto le ambasce della sindaca Virginia Raggi per essere rieletta, con un PD che non la vuole proprio, perché si tiene ancora un personaggio così scomodo che la denota apertamente come una anti – Elevato? E perché se lo tiene ancora Grillo?

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->