sabato, Aprile 10

Mattarella in Argentina, speranza per il Mercosur?

0

«È all’estero che meridionali e settentrionali, sudditi di regimi diversi, si appropriarono, insieme, di una comune identità […] Qui, possiamo ben dirlo, è nata l’Italianità». Queste le affermazioni del Presidente Sergio Mattarella in visita in Argentina, che ha parlato davanti ai rappresentanti della comunità italiana nel Paese. Il Presidente è in questi giorni impegnato in una serie di viaggi nei Paesi dell’America Latina, e ha incontrato il Premier argentino Mauricio Macri. Potrebbe essere l’attesa occasione per sbloccare gli accordi commerciali che l’area del Mercosur – che comprende Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay – tenta da tempo di stabilire con l’Unione Europea.

Il Mercosur è il mercato comune dell’America latina e mantiene relazioni con l’UE dal 1995. I negoziati per un accordo di libero scambio e cooperazione sono iniziati nel 1999 e messi in pausa nel 2012. Nel giugno 2015 le due parti hanno confermato la volontà di procedere in direzione di uno scambio proficuo e giusto.  Nel 2016 arrivarono altri segnali positivi, con il Ministro degli Esteri brasiliano José Serra impegnato a Bruxelles a dare il via alla ‘nuova politica estera’ del Paese, incentrata sulle esportazioni per uscire dalla crisi economica che colpisce il Brasile.

Questo nonostante i segnali non proprio incoraggianti del biennio precedente: a causa della maggiore presenza di merci cinesi nel continente, le esportazioni brasiliane verso l’UE sono calate del 19.3% nel 2014-2015. La lentezza che il Brasile denuncia, imputata all’UE, è effettivamente causata dalla reticenza europea nell’accettare essenzialmente due prodotti nell’accordo di libero scambio: la carne e l’etanolo. Gli agricoltori e allevatori europei avrebbero infatti fatto notare come il Brasile già esporti una grossa quantità di pollame e carne. In testa c’è la Francia, supportata da altri 12 Paesi europei, che si oppone all’apertura al Mercosur. Dall’altra parte Spagna, Germania, Italia, Svezia, Portogallo e il Regno Unito che ora lascia il club europeo, facendo perdere ai sudamericani «un grande alleato», come aveva commentato Serra.

Gli ultimi negoziati hanno avuto luogo questo marzo a Buenos Aires dal 20 al 24. Durante le trattative, l’Ue ha presentato diverse proposte, riguardanti commercio e sviluppo sostenibili, trasparenza, accesso all’energia ed alle materie prime, tra cui una in materia di agricoltura, inclusiva di disposizioni riguardanti la cooperazione bilaterale e multilaterale, vini e liquori, e tematiche ulteriori. I Paesi del Mercosur e l’UE hanno poi convocato un ciclo intermedio di incontri da tenersi a Buenos Aires, ulteriore rispetto a quello già previsto prima della pausa estiva, previsto dal 3 al 7 luglio a Bruxelles.

L’Unione Europea è già il primo partner commerciale dei quattro Paesi sudamericani, aggiudicandosi un fetta del 21% del volume commerciale totale del Mercosur. L’export europeo verso il sudamerica è passato dai 21 milioni di euro del 2005 ai 46 milioni registrati dieci anni dopo. Nello stesso periodo anche le esportazioni del Mercosur sono aumentate, passando da 32 a 42 milioni di euro. Le esportazioni europee comprendono macchine industriali, veicoli, e prodotti chimici e farmaceutici, mentre il Sudamerica esporta nell’EU principalmente cibo, bevande, tabacco, caffè e carne.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->