mercoledì, Ottobre 20

Marino lascia. Inizia la corsa per Roma

0
1 2


Intanto sono già scesi in campo in campo Alfio MarchiniUmberto Croppi. Il rampollo della famiglia di costruttori, consigliere comunale e ‘patrimonializzato’ dall’eccellente risultato della propria lista alla tornata che vide il trionfo di Marino (ma contro Alemanno…), sta non soltanto scaldando nuovamente i muscoli, ma già mettendo in campo la sua ‘macchina da guerra’. Che comporta anche il rapporto con Centro e soprattutto Centrodestra, con Silvio Berlusconi, o ciò che rimane di lui, in termini sia personali che politici e di consenso. L’uomo del Plebiscito (sia via che tentazione) è più che lieto di issarsi sulle, poderose, almeno fisicamente, spalle di ‘Arfio’. Provando così a nascondere il proprio declino.

 

Dal canto suo Croppi rigiocherà le proprie carte. Dopo aver raccolto molti consensi nell’abbozzo di candidatura per lo scorso ‘giro’, si ritirò appoggiando Marino. Era stato Assessore alla Cultura della Giunta di Gianni Alemanno, che lo defenestrò brutalmente, probabilmente perché sa leggere e scrivere (e non sa star zitto quando è in disaccordo). Aveva appoggiato, quindi, l’attuale Sindaco. Questa volta se la gioca davvero in proprio, deciso ad andare sino in fondo. Proveniente, inizialmente, dalla Destra Sociale, poi Consigliere Regionale dei Verdi per il Lazio, alla guida della Casa Editrice Vallecchi, e molto altro. Ben visto dai movimenti di base, e nello stesso Partito Democratico, potrebbe essere un’alternativa credibile e vincente agli arrembanti uomini (e donne) di Beppe Grillo.

In casa PD in ovvia difficoltà il Presidente (dell’Assemblea Nazionale) e Commissario (di Roma) Matteo Orfini. Che dopo avere lealmente, e intelligentemente, difeso Marino, ora rischia di essere travolto dalla sua rovinosa caduta. E allora sono tanti gli aspiranti, se Orfini venisse realmente eclissato. Da David Sassoli, già sconfitto da Marino alle Primarie per Roma, a Paolo Gentiloni, pure lui vittima di quell’inatteso tsunami. In corsa anche due donne: la molto supportata Ministro Marianna Madia e Silvia Scozzese, già Assessore al Bilancio della Giunta Marino, attuale Commissario alla ‘Gestione commissariale del debito di Roma Capitale’.

 

E non siamo che all’inizio dell’inizio, Di una storia di cui racconteremo, passo passo, fatti e retroscena. E, soprattutto, cosa stia per succedere. Svelandolo. Seguiteci.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->