martedì, Settembre 28

Marijuana e gli effetti sulla salute (e sul sonno)

0

L’uso di marijuana aumenta del 26% la probabilità di avere un ictus e del 10% quella di avere uno scompenso cardiaco. A dirlo è uno studio americano, che arriva proprio nel momento in cui il Paese si avvia, in più parti alla legalizzazione della cannabis. Lo studio, che ha preso in considerazione i dati clinici relativi a 316.000 utilizzatori, lancia quindi nuovi dubbi sul suo utilizzo.

Ma intanto altri Paesi vanno avanti, come il Canada. Il governo guidato Justin Trudeau annuncerà infatti ad aprile di voler legalizzare la marijuana a partire dal primo luglio 2018. La legge sarà presentata, secondo la stampa nazionale, nella settimana del 10 aprile, ed è il risultato dei lavori di un’apposita commissione nominata dal governo e presieduta dall’ex ministra per la giustizia Anne McLellan. Secondo le prime indiscrezioni, il limite di età per comprare marijuana sarà di 18 anni, ma ogni provincia potrà decidere di alzarlo. Inoltre è previsto che i privati possano coltivare in casa fino a quattro piante.

In diversi Stati però la legalizzazione della marijuana non ha sortito gli effetti sperati, anzi. Tra tutti l’Uruguay, dove nel dicembre 2013 ha approvato una legge in tal senso. In realtà però il traffico di stupefacenti verso l’Uruguay non è in alcun modo diminuito, mentre si sperava in un calo netto della criminalità organizzata. Raddoppiati i sequestri, inoltre dal 2013 al 2015 sono aumentate del 62% le vittime di incidenti stradali dovuti alla guida di persone sotto l’effetto della marijuana, così come i ricoveri in ospedale: nel 2011 6.305, nel 2014 11.439.

Ma il business della marijuana è reale: basti pensare che in Colorado ha generato un giro d’affari pari a 699,2 milioni di dollari nel 2014, 996,2 milioni nel 2015 e 1,3 miliardi nel 2016. E poi c’è anche l’uso medico della marijuana. Proprio in questi giorni è andato in scena a Tel Aviv il congresso sull’uso medico della cannabis. E qui l’utilizzo per le terapie del dolore aumenta, visti gli effetti benefici. Insomma, a chi dare retta? Intanto alcuni esperti parlano anche di alcuni effetti sulla salute.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->