sabato, Ottobre 23

Mangiare fuori casa o sul posto di lavoro? Ecco come riuscire a preparare qualcosa di buono a casa e avere la possibilità di portarlo ovunque con noi

0

Spesso, a causa dei ritmi sfrenati della routine quotidiana, siamo portati a saltare il pranzo a casa con conseguente ripiego su tavole calde, fast food, mense lavorative o tristi tramezzini ai distributori automatici.

Di certo, riuscire a preparare qualcosa di buono a casa e avere la possibilità di portarlo ovunque con noi, è di gran lunga preferibile al procurarsi cibo di fortuna dove capita. Un gustoso piatto fatto in casa, realizzato su misura per il nostro palato è sicuramente più sano e nutriente di una pizza o di un panino veloce consumato al primo bar di passaggio: in più giova all’umore e al benessere del nostro organismo. A lungo andare, un tipo di alimentazione improvvisata e irregolare potrebbe far male al nostro stomaco e in alcuni casi anche al nostro portafoglio.

Cibo sempre caldo

Come abbiamo anticipato, preparare preventivamente un buon pasto da portare sul posto di lavoro, è più conveniente e salutare rispetto a mangiare presso una mensa o delle aree di ristoroTuttavia il problema che si potrebbe riscontrare nel fare una cosa del genere, consiste nel trasporto della pietanza e nel mantenimento del calore della stessa, qualora si trattasse di cibo caldo. In questo caso potrebbe rivelarsi molto utile l’utilizzo di uno scaldavivande elettrico, che vi permetterà di consumare il pasto come appena impiattato a casa vostra. In questo caso vi basterà trovare un’area tranquilla dove passare la pausa pranzo e mangiare in santa pace.

Sia chiaro che nessuno vieta di utilizzare un apparecchio del genere anche in altri contesti, come per esempio una gita fuori porta o durante un pic-nic. In commercio esistono modelli di diverse dimensioni e con tipo di alimentazione a cavo, a batteria o a cavetto USBOptate per il dispositivo che meglio soddisfa le vostre esigenze e ricordate di scegliere un prodotto realizzato con materiali sicuri e di qualità.

Preparare con cura il pranzo da asporto

Quando si ha la possibilità, preparare preventivamente il pranzo da consumare l’indomani sul posto di lavoro, può rivelarsi una soluzione salutare e conveniente. In questo modo potete anche tenere sotto controllo la vostra forma fisica e seguire un certo regime alimentare, capace di rispettare il vostro fabbisogno nutrizionale giornaliero, senza assumere calorie superflue.

Spesso sono sufficienti pochi accorgimenti per comportarsi bene fuori casa da un punto di vista alimentare. Per esempio, è bene fare di volta in volta una spesa intelligente, acquistando tutto ciò che serve per preparare una pietanza sana, energetica, gustosa e veloce da fare.

Per realizzare un buon pranzo al sacco, non avete che l’imbarazzo della scelta tra insalate di riso, insalatone miste, paste condite a piacere, panini imbottiti e molto altro ancora. Se preparate con attenzione e cura i pasti da consumare ogni giorno sul posto di lavoro, non vedrete l’ora che arrivino le pause pranzo per poter finalmente gustare le vostre leccornie preferite.

Consigli utili per pranzare in ufficio

1) Quando siete in pausa pranzo, evitate di consumare il pasto rimanendo seduti davanti al PC o al tavolo da lavoro. Cercate un luogo tranquillo per stare da soli o in compagnia, magari all’aperto, così riuscirete a svagare anche la mente mentre vi rifocillate.

2) Ricordate di portare tutta l’attrezzatura necessaria insieme al vostro pranzo: tovaglietta, tovaglioli, posate, bicchiere, bevande, ecc.

3) Non abusate di cibi preconfezionati quali: tramezzini, zuppe, pietanze liofilizzate e altri alimenti pronti. A lungo andare potrebbero scombussolarvi lo stomaco e provocare problemi di digestione.

4) Per questioni di tempo e di praticità, puntate a preparare dei piatti unici e completi, come per esempio insalate di riso, di pasta, minestroni, cous cous di carne e di pesce.

5) Per le vostre ricette, cercate di utilizzare delle verdure di stagione. Costano poco, fanno bene all’organismo e spesso sono facili da cucinare senza troppe elaborazioni. La cottura a vapore per esempio è un metodo semplice e salutare per assimilarle.

6) Un modo intelligente di mangiare le verdure è quello di comprarne di diversi tipi in grande quantità. Cuocetele, frullate il tutto e congelate il passato ottenuto in contenitori monoporzione da utilizzare alla bisogna.   

7) Cercate di alternare carboidrati e proteine tra pranzo e cena, senza dimenticare un paio di spuntini pomeridiani a base di frutta (fresca o secca) oppure uno yogurt.

8) Per trasportare il vostro pranzo, utilizzate sempre dei contenitori ermetici come thermos per alimenti, scaldavivande, bento giapponesi, ecc.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->