mercoledì, Maggio 19

Malta: processioni del Venerdì Santo

0

La peculiarità di Malta in questo periodo è rappresentata, senza ombra di dubbio, dalle processioni del Venerdì Santo, durante le quali sfilano statue e gruppi che rappresentano i vari momenti della Passione.
Le processioni del Venerdì Santo a Malta risalgono alla fine del XVIII secolo, ma non rimangono di esse molte fonti storiche. Si conosce però di sicuro che questa tradizione fu importata dagli Spagnoli durante il periodo in cui governava l’Ordine di Malta, ma sicuramente ebbero inizio nella città di Vittoriosa (conosciuta in Maltese come Birgu, ovvero il Borgo), che all’ epoca era il centro delle attività economiche, per via della sua posizione nel Porto Grande per un buon ancoraggio ai vascelli provenienti da molti paesi. Ancora oggi si possono vedere nelle chiese o negli annessi oratori, particolari Crocifissi, conosciuti come ‘I Crocifissi di Candia’ (Kurċifissi ta’ Kandja in Maltese), l’ antico nome dell’ isola di Cipro. Questi Crocifissi furono portati a Malta grazie alla cooperazione tra l’ Ordine di Malta e dei Veneziani che tentavano di salvare gli oggetti sacri dagli Ottomani e dunque dalla possibile distruzione. Il risultato di questa ‘nuova’ devozione per il Mistero della Passione, Morte e Resurrezione di Gesù Cristo fu ‘istituzione di confraternite dedicate al Crocifisso, alla Passione, a Nostra Signora della Pietà (l’ Addolorata) e così via. Queste confraternite furono le prime ad organizzare una processione devozionale del Venerdì Santo a Malta. Inizialmente le processioni non erano composte da tante statue come ora , ma di solito erano accompagnate da prigionieri dell’ Ordine condannati ai lavori forzati sulle galere come rematori. Questi seguivano la processione incatenati e per l’ occasione portavano una croce come segno di penitenza. Col passare del tempo, ai prigionieri subentrarono i devoti che ogni anno, volontariamente, prendevano parte alle processioni e camminavano trascinando catene e portando croci sulle spalle. Questa è una tradizione antica che oggi è quasi scomparsa, tranne in alcuni casi quali la processione dalla Basilica di San Giorgio a Victoria in Gozo, Mosta, Rabat e Qormi a Malta.

(tratto dal sito di ‘You Tube‘ )

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->