giovedì, Maggio 13

Malaysia da investire? Flussi di capitali stranieri attendisti, migliori quelli interni: sono positive le stime 2015

0

mobius

Bangkok – Uno dei principali ‘fund manager’ noto nel settore a livello mondiale Mark Mobius sottolinea che gli investitori in questo momento sono particolarmente cauti nel loro lavoro di individuazione delle opportunità d’investimento migliori e non si avventurano nel mercato borsistico e finanziario internazionale.

Pur ammettendo che il mercato ha pur sempre un qualche spazio di azione, Mobius, il quale è un fund manager della ‘Franklin Templeton Investments‘ , afferma che vi sono buone opportunità di acquisto nel mercato borsistico attuale, anche se le valutazioni correnti risultano ancora eccessivamente elevate.

«In relazione ad altre Nazioni, la Malaysia è relativamente costosa. Si dovrebbe dare uno sguardo ad azioni meno costose con buone probabilità di crescita ma che siano anche con valutazioni di prezzi più bassi», ha affermato Mobius.

«Allo stato attuale vi è un certo numero di azioni attraenti e ad alta redditività con un margine del 5-8 per cento. Sono quel tipo di azioni da ritenersi l’unico cui dare retta», ha affermato Mobius durante la sua presentazione intitolata ‘Dove sta andando il denaro più furbo’ organizzato da MIDF Amanah Investment Bank.

Durante la conferenza stampa che ne è seguita, Mobius ha affermato di apprezzare i titoli di credito al consumo come British American Tobacco  , le ditte produttrici di birre e le banche che stanno pagando buoni dividendi.

«Questi sono gli unici titoli cui bisognerebbe dar conto, specialmente le banche, che in fondo riflettono la crescita dell’intera Nazione. Sono anche molto diversificati e probabilmente meno volatili, con cedole o dividendi di buon livello. Le Società che pagano alti dividendi tendono ad avere buone performance», ha aggiunto l’esperto dei mercati finanziari e dei titoli di Borsa.

Chiarendo meglio le proprie preferenze attuali, Mark Mobius ha affermato di preferire ancora i titoli del comparto salute e farmaceutico, poiché essi detengono alti tassi di investitori con buoni livelli di crescita con dinamiche industriali favorevoli.

Commentando poi l’alto valore dei titoli, Mobius dice che essi potrebbero essere sostenuti, in avanzamento, avendo le valutazioni una relazione inversa con l’indicatore medio del prezzo chiave.

«Se, diciamo, i tassi di interesse sono al 5 per cento, si può tollerare un tasso di aumento medio PER di 20 volte. E’ reciproco. Se il tasso di interesse è dell’1 per cento, si può tollerare un tasso di aumento medio di 100 volte. E questo è il punto al quale noi siamo adesso ed è la ragione per la quale abbiamo un tasso di aumento medio di livello alto dato che i tassi di interesse sono così bassi», ha aggiunto Mobius.

«Talvolta si potrebbe dire che 20 volte sia costoso, avendo l’abitudine di comprare titoli a 5 ma entrambe le volte sono volte differenti ed è alquanto pericoloso generalizzare e nonostante il tasso di aumento medio sia alto qui in Malaysia, attualmente potrebbero anche andare più in alto».

Mobius fa notare che il mercato potrebbe essere andato troppo in avanti, più dei suoi stessi limiti quando ha ritenuto che i tassi di interesse avrebbero potuto logicamente innalzarsi ulteriormente ma questo, nei fatti, non è accaduto. Allo stesso tempo, Mobius afferma che la domanda depressa degli investitori locali e delle istituzioni potrebbe dare sostegno al mercato borsistico nonostante il declino complessivo nelle partecipazioni estere.

Secondo MIDF Amanah Investment Bank, la vendita netta straniera di equity  della Malaysia ha totalizzato 544.9 milioni di Ringgit (167.19 milioni di Dollari USA) per il fine settimana intorno al 17 Ottobre, che era speculare rispetto alla vendita netta straniera di titoli nel mercato al livello di 134 milioni di Ringgit  nella settimana precedente.

Su base cumulativa anno-per-anno, il flusso esterno straniero ha totalizzato 3.8 miliardi di Ringgit, comparato con un introito netto di 3 miliardi di Ringgit nel 2013, dove MIDF Amanah Investment Bank ha sottolineato che la massa della vendita straniera ora è passata ed il sovrastare della liquidità straniera “calda” in Malaysia si è ridotta in modo significativo.

MIDF Amanah Investment Bank ritiene inoltre che le istituzioni locali hanno sostenuto il mercato delle equity della Malaysia nella settimana scorsa, rastrellando 584.7 milioni di Ringgit in titoli azionari, anche gli investitori al dettaglio hanno rilasciato 39.8 milioni di Ringgit.

«Sì, la percentuale della partecipazione straniera in Bursa Malaysia nella sua totalità si è abbassata ma l’attuale ammontare netto s’è innalzato. Il mercato si è espanso ma l’ammontare posseduto dai locali è diventato più grande rispetto a quello degli investitori stranieri», ha aggiunto l’esperto Mobius.

Secondo TA Research , gli investitori stranieri potrebbero tornare alle equity della Malaysia nel momento in cui i buyers attraversano i tre mesi finali del 2014, sulla base di un sentimento derivante dalle iniziative portate avanti dal Governo per irrobustire la crescita della Nazione e ridurre il suo deficit fiscale.

«Vi potrebbe essere un flusso in ingresso di capitale straniero nel quarto/quarto dell’anno, prendendo gli investitori stranieri coscienza degli sforzi del Governo per regnare nel deficit di budget durante l’azione di promozione della crescita economica individuando uno specifico tipo di attività ad alto valore aggiunto», annota TA Research.

«In vista della ancora ampia disponibilità liquida nella scena locale, noi siamo del parere che l’Indice Composito FTSE Malaysia potrebbe recuperare l’usuale livello del quarto quarto dell’anno fiscale», ha aggiunto TA Research.

I fund manager rimangono comunque alquanto moderati, in termini di outlook per il mercato delle equity emergenti, che potrebbero coprire la Malaysia, grazie alle incertezze che ancora procedono nell’economia globale.

Il Gruppo Schroeders, recentemente ha effettuato un abbassamento della sua stima circa l’outlook sul mercato emergente delle equity spostandolo su livello neutrale nonostante le valutazioni attraenti. «Le valutazioni permangono attraenti sebbene l’outlook dei guadagni potrebbe essere ristretto dalla tiepida copertura nella crescita economica, data l’importanza delle esportazioni per molte economie di Nazioni emergenti», ha affermato Schroeders nel suo report intitolato ‘Prospettive del Mercato Globale per il quarto quarto dell’anno 2014′.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->