mercoledì, Aprile 21

Malawi: missione di salvataggio per 500 elefanti field_506ffb1d3dbe2

0

In Malawi è cominciato il trasferimento di cinquecento elefanti dai parchi Majete e Liwonde, verso una riserva più sicura e spaziosa: Nkhotakota Wildlife Reserve, dove gli animali avranno a disposizione un’area riservata di 16 mila ettari, protetta da 240 chilometri di recinzione elettrica. A fargli compagnia ci saranno zebre, facoceri, impala e kudu. Questa l’operazione per mettere in salvo gli elefanti dal bracconaggio certo, visto che che la zona in cui attualmente si trovano è troppo affollata e vicina ai centri abitati: un invito a nozze per i bracconieri. Parliamo di una migrazione in grande, che coinvolge circa un terzo della popolazione degli elefanti del Malawi, che conta circa 1500 esemplari. Dal 1979, la popolazione degli elefanti in Africa è diminuita drasticamente del 50%, spesso perché in piccole località vivono troppi elefanti, che inevitabilmente diventano vittime di conflitti tra l’uomo e la fauna selvatica.

L’operazione, progettata dall’organizzazione Africa Parks che gestisce tutte e tre le riserve del Malawi, prevede frecce lanciate dagli elicotteri per sedare gli elefanti e enormi gru per caricarli sui camion. Terminerà il prossimo anno e costerà circa 1,6 milioni di dollari. Tra i principali finanziatori del progetto, un’organizzazione olandese e una fondazione con sede a Washington.

(Video tratto dal canale Youtube: Africanews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->