sabato, Maggio 15

Maks 2017, a Mosca parte il Salone aerospaziale internazionale

0

E’ tutto pronto in Russia per il Maks 2017, il Salone aerospaziale e spaziale internazionale giunto alla sua 13a edizione. Si tratta di una delle più grandi fiere del settore aerospaziale nel mondo e ad inaugurarla è giunto anche il presidente Vladimir Putin.

Al Maks partecipano circa 700 aziende russe e 180 società straniere e aziende provenienti da 36 Paesi. Il presidente ha visitato le esposizioni per l’aviazione visualizzando modelli di produzione, prototipi e pre-prototipi e sviluppi da aziende aerospaziali russe e straniere.

Il Salone dell’aeronautica Maks contribuirà allo sviluppo della cooperazione nel settore del trasporto aereo, nonché alla promozione dei prodotti russi sui mercati internazionali, ha detto Putin nel suo discorso inaugurale: «Ci auguriamo che nei prossimi giorni qui a Zhukovskij venga messa in piedi una grande mostra che rappresenti gli sviluppi delle principali aziende russe e straniere. Si terranno conferenze e seminari su temi dello sviluppo del settore, sono in programma una serie di negoziati e la firma di importanti contratti. Speriamo che tutto questo contribuirà a rafforzare la cooperazione industriale ed aumentare la cooperazione internazionale, la promozione dei prodotti russi verso i mercati nazionali ed esteri».

Russia che in questo settore sta proponendo sempre più novità e investe sempre di più. In particolare il presidente russo ha menzionato i nuovi progetti dell’elicottero Ka-62 e dell’aereo passeggeri MS-21. Il Maks si concluderà il 23 luglio.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->