venerdì, Settembre 17

Madre Teresa di Calcutta ora sarà canonizzata Il Papa ha confermato la decisione della Congregazione avviando la procedura di canonizzazione

0

La conferma della canonizzazione di Madre Teresa di Calcutta è arrivata da Papa Francesco, in occasione della ricorrenza del suo compleanno il 17 dicembre scorso, si è riconosciuto il miracolo di guarigione straordinaria del 2008 di un uomo, oggi di 40 anni, allo stadio terminale per «ascessi multipli cerebrali con idrocefalo ostruttivo» e già «sottoposto a trapianto renale e in terapia con immunosoppressori», come recita la diagnosi medica. Il lungo processo di ‘super miro’ per ‘l’apostola degli ultimi’ è giunto al termine. La valutazione del miracolo di guarigione straordinaria, iniziato nel giugno di quest’anno nella diocesi di Santos in Brasile, è stato sottoposto il  15 dicembre scorso all’ultima fase del Congresso dei Vescovi e Cardinali, riuniti in Congregazione, che hanno espresso il loro giudizio pienamente positivo da sottoporre all’approvazione del Papa su un ‘ponente’ ascoltato durante tale riunione, fase finale della procedura di giudizio nella fase romana del processo ‘sul miracolo’ e che porterà la beata Madre Teresa agli onori degli altari della Chiesa universale. Tale miracolo di Madre Teresa è stato attribuito alla santa con un decreto papale, aprendo alla sua canonizzazione con ogni probabilità il 4 settembre prossimo (ma la data verrà resa pubblica e ufficiale soltanto nel prossimo Concistoro) durante Anno Santo della Misericordia, ma ha anche riconosciuto la grande forza dell’annuncio missionario verso i poveri e i miseri di questa suora albaneseAnjeza Gonxhe Bojaxhiu (Madre Tresa di Calcutta) nata a Skopje il 26 agosto del 1910, è insignita anche del Premio Nobel per la Pace l’11 dicembre del 1979 e ha dedicato tutta la sua vita a diffondere il suo messaggio di speranza e pace cristiana. Corrado Augias ne ricostruisce la vita e l’importanza come missionaria di Cristo.

(tratto dal sito ‘RaiTV’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->