mercoledì, Dicembre 8

#MadeinRome: una proposta per la Città e una sfida al nuovo Sindaco Dai concetti passiamo alla pratica L’agenda di lavoro che FaròArte sottopone alla nuova amministrazione per il Rinascimento di Roma, Città Artigiana & Creativa

0

In vista delle amministrative romane ‘L’Indroha dato evidenza al percorso progettuale intrapreso in questi anni da FaròArte, teso a favorire un nuovo sviluppo economico e culturale della Città, rigenerandone l’identità attraverso il rilancio della Creatività Artigianale di cui Roma è depositaria. Un Patrimonio materiale e immateriale tra i più grandi e straordinari al mondo.

Martedì 28 settembre abbiamo iniziato questo percorso di informazione pubblicando l’intervento di Carlo d’Aloisio Mayo#MadeinRome: un progetto per Roma: Raggi, Calenda, Gualtieri, Michetti: Chi accetta la sfida?’.

Giovedì 30 settembre ‘#MadeinRome’, blog dei promotori del progetto, ha approfondito pubblicando ‘Anche con Giulio Anticoli per il #MadeinRome’, intervista al Presidente delle Associazioni ‘Botteghe Storiche di Roma’ e ‘Roma Produttiva’.

Venerdì 5 ottobre ‘L’Indro’ ha pubblicato ‘Roma al ballottaggio. Gualtieri vs Michetti: chi accetta la sfida per il #MadeinRome?’, intervista all’architetto Dionisio Mariano Magni, presidente di FaròArte e del Comitato promotore della Fondazione per il #MadeinRome.

Sintetizziamo ora l’agenda di lavoro che FaròArte ha sottoposto ai diversi protagonisti che si sono candidati a governare Roma per i prossimi 5 anni.

Premessa – Definizione Piano di fattibilità e Risorse

Definizione del Piano di fattibilità e di sviluppo, anche attraverso la valutazione delle Risorse complessivamente acquisibili – oltre che nell’ambito dei fondi previsti dalla Legge sull’Artigianato della Regione Lazio n.3/2015, così come agendo sulle importanti potenzialità attrattive verso investitori privati nazionali ed internazionali – in particolare desumibili nel contesto della strategia per la #NextGenerationEU per raggiungere gli obiettivi stabiliti nel #PNRR e delineati nella legge di Bilancio 2021. Tra queste quelle finalizzate alla riduzione delle emissioni, alla digitalizzazione, alle infrastrutture sociali, alla formazione e alla ricerca, alla rigenerazione urbana, all’efficientamento energetico, all’economia circolare, alle filiere produttive. In particolare agendo nel merito dei programmi specificamente dedicati a Roma su Cultura e Turismo e sull’Audiovisivo, nel quadro di una visione coerente e integrata del futuro di Roma, Città sostenibile, innovativa e coesa.

Step 1 – La Rappresentanza e la Governance: partecipazione diffusa e inclusione sociale per coinvolgere, motivare, aggregare e valorizzare i ‘Maestri e i Nuovi Artigiani’ Start della Fondazione di Partecipazione per il #MadeinRome (entro i primi 100 giorni)

Definizione del modello organizzativo e promozione, verso l’insieme dei Protagonisti e degli Stakeholders di riferimento, della Call di adesione al nuovo soggetto di governance disintermediata e partecipata, delle finalità delineate, della visione innovativa e delle prospettive di sviluppo. Tutto questo sia per l’eco-sistema di riferimento che per la Città intera, nella valorizzazione della sua identità Creativa e Culturale e conseguente capacità di attrattività relazionale e turistica su scala globale. Organizzazione di strumenti ed eventi di lancio e diffusi sul territorio.

Step 2 – Geo-censire il tesoro diffuso e nascosto: Call delle Competenze e della Capacità

Rilevazione e catalogazione, aperta e progressiva, del Patrimonio e dei Protagonisti del ‘Saper Fare Creativo ed Etno-Culturale’ romano, sotto il profilo qualitativo delle competenze e delle capacità possedute.

Step 3 – Definire il modello degli ‘Hub’ del ‘Sapere’ e del ‘Fare Creativo’

Attivare Incubatori della Contaminazione Creativa a ciclo orizzontale, spazi di catalogazione e condivisione fertile della Conoscenza e delle Abilità, degli Strumenti organizzativi e delle Linee di produzione. Concept-WorkSite di incontro culturale e sociale nei quali integrare e coniugare le esperienze del patrimonio Tradizionale con le opportunità dell’Innovazione, volto anche a sviluppare Formazione finalizzata e favorire la nascita di Start-up per la Ricerca tecnica e creativa di Metodi, Processi e Prodotti.

Step 4- Realizzare il ‘Foro del Fare Creativo’ ed attivare i ‘Luoghi del Fare Creativo’

Individuare, Riqualificare ed Attivare Spazi Pubblici da destinare a progetti partecipati di riqualificazione strategica del settore e del territorio, per restituire visibilità, riconoscibilità e fruibilità alle economie del Saper Fare Creativo. In primis localizzare nel cuore di Roma, riqualificare ed attivare l’area da destinare al prioritario sviluppo dell’urban big bang incipit: il ‘Foro del Fare Creativo’, Campus & Concept Store, quale spazio fisico e volano identitario della nuova centralità creativa, culturale ed artigiana romana.

Step 5 – Patrimonializzare, implementare e diffondere la ‘Comunicazione del Sapere’

Censire, Catalogare, Coordinare, Sviluppare e Diffondere – anche e soprattutto attraverso l’uso delle innovazioni tecnologiche e digitali – l’insieme del Patrimonio storico e contemporaneo, materiale e immateriale, della Cultura Alta e dell’EtnoCultura. Agendo attraverso la realizzazione di contenuti – prodotti & servizi – finalizzati a valorizzare il BrandRoma’ per rivendicare, stimolare, promuovere diffusamente e garantire il valore unitario e distintivo dell’identità territoriale e culturale del tessuto produttivo creativo romano.

L’Indro’ sta supportando così questo prezioso percorso. L’insediamento del nuovo Sindaco e l’inizio delle attività della giunta Comunale e di quelle Municipali saranno i momenti di avvio di una reale interlocuzione ed operatività. Continueremo ad approfondire con nuovi interventi ed interviste ai referenti istituzionali e culturali della Città.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->