mercoledì, Dicembre 1

Macri vince ancora: il futuro dell’Argentina fra riforme e declino del peronismo L'analisi del Professor Francesco Davide Ragno dell'Università di Bologna sugli scenari aperti dalle elezioni argentine

0
1 2


Svolta politica in Argentina. Il partito del Presidente Mauricio Macri ha vinto nettamente le elezioni legislative. Il popolo argentino , chiamato alle urne per rinnovare un terzo del Senato e la metà della Camera, ha inviato un forte segnale di fiducia al Presidente in carica, salito al potere dopo le elezioni presidenziali del 2015. La coalizione di Governo formata dal partito di Macri, Cambiemos, e dai suoi alleati, si è imposta in ben 14 distretti elettorali, tra gli altri nelle principali province quali Buenos Aires, Cordoba, Santa Fe, Mendoza, e nella città di Buenos Aires, capitale del Paese. Era dai tempi di Raul Alfonsin, nel 1985, che un Presidente non otteneva un risultato così positivo.

Dall’altra parte dell’arena politica, esce nettamente sconfitta da questo voto l’ex Presidente dell’Argentina, la peronista Cristina Fernandez Kirchner, moglie di Nestor Kirchner, anch’egli Presidente del Paese, scomparso nel 2010. La leader del fronte peronista perde anche la sfida chiave della provincia di Buenos Aires dove viene distaccata di ben quattro punti dal candidato di Cambiemos, l’ex ministro Esteban Bullrich.

Con questa vittoria, il Presidente in carica Mauricio Macri ottiene la maggioranza parlamentare necessaria per l’approvazione delle riforme economiche promesse fin dalle presidenziali del 2015. Se nel suo primo anno al potere l’economia del Paese ha vissuto una contrazione a causa di interventi dolorosi, ma necessari, quali la svalutazione del peso, lo smantellamento del controllo sui cambi e i tagli alle sovvenzioni per l’elettricità e il gas, nell’ultimo anno le riforme governative hanno cominciato a dare i propri frutti come dimostrato dall’inflazione scesa sotto il 22 % e dalla crescita economica superiore al 3%.

La continuazione di questo trend positivo dipenderà molto da come Macri riuscirà a capitalizzare questo importante risultato elettorale. Certamente lo schieramento peronista non sarà disposto ad arrendersi facilmente, come dimostrato dalle parole della Kirchner «niente è finito, oggi inizia tutto». Un nuovo inizio in cui non è escluso che i legislatori peronisti rimasti in carica decidano di appoggiare parte delle riforme dell’Esecutivo allo scopo di mantenere il potere e sperare in una prossima rielezione. Dall’altra parte, la stessa coalizione di Governo potrebbe tentare un dialogo con gli elementi maggiormente moderati del partito peronista per accelerare l’implementazione delle riforme più complesse.

Sullo sfondo, il declino del populismo in America latina, laddove nel resto del mondo i movimenti populisti sembrano cavalcare l’onda del consenso. Sugli scenari aperti dalle elezioni argentine abbiamo sentito il Professor Francesco Davide Ragno, Assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Bologna.

Si può dire che con questa elezione l’Argentina entri in una nuova era archiviando definitivamente il periodo peronista?

La storia ci ha insegnato che il peronismo non muore mai. Ad esempio, nel 1983,  il peronismo, pur sembrando notevolmente indebolito, ha avuto la capacità di rimettersi in ordine e di vincere le elezioni presidenziali successive. Un altro discorso deve essere fatto rispetto al kirchnerismo. La relazione fra peronismo e kirchnerismo, infatti, non è del tutto lineare al giorno d’oggi, anzi è in parte contraddittoria. Vi sono molte liste di chiara ispirazione peronista che hanno rifiutato di prendere parte alla Union Ciudadana, l’alleanza politica kirchnerista. Onestamente, quindi, non possiamo ancora dire di essere o meno davanti ad una svolta epocale della politica argentina. Il peronismo infatti ha una serie di resilienze e di resistenze, unite ad una grande capacità di rinnovarsi, che non ci permette di considerare definitivamente estinto tale movimento.

Quali sono state le principali ragioni della vittoria del presidente Macri?

La principale ragione della vittoria di Macri risiede nella maniera in cui viene percepito il Presidente e il suo gruppo dirigente. In questi anni, il Governo di Macri si è impegnato nel tentativo di unire il Paese, a differenza di quanto avvenuto durante le Amministrazioni Kirchner. In quel periodo infatti il Paese era profondamente diviso dal punto di vista economico, sociale e culturale. Si trattava di una divisione manichea tipica di tutti i regimi populisti: una divisione fra patria e antipatria, popolo e oligarchia corrotta. Macri, al contrario, ha rappresentato (e continua a rappresentare) una svolta per la politica argentina nel tentativo di promuovere un dialogo fra attori politici e sociali all’interno del paese: ha coinvolto partiti, sindacati, amministrazioni locali. In questo modo il Presidente in carica ha voluto costruire spazi di incontro. Anche le ultime notizie dall’Argentina vanno in questa direzione: Macri intende infatti invitare in un luogo neutro i governatori delle varie province, i leader dei sindacati e i rappresentanti della giustizia per tentare di definire meglio le riforme in materia fiscale, educativa e politica più in generale.

In particolare quanto hanno pesato gli investimenti in opere pubbliche effettuati in particolare nella grande periferia di Buenos Aires, un’area decisiva per la vittoria del partito del presidente?

La periferia della capitale, la cosiddetta Gran Buenos Aires, rappresenta una delle realtà più emblematiche di questa elezione. Le opere pubbliche sono state realizzate in un’area fra le più popolose del paese, con uno fra i più elevati tassi di criminalità e con forti componenti di povertà, si pensi alle tristemente note villas miserias. Queste grandi periferie sono una sorta di mito, venerato da tutti i leader peronisti e un tempo fortino politico del peronismo prima e del kirchnerismo poi. Oggi la situazione è profondamente mutata. L’eccessiva personalizzazione operata dai Governi Kirchner ha portato ad un progressivo allontanamento di molti storici leader locali, i cosiddetti punteros. Si pensi al caso del sindaco storico di Lanùs, uno dei maggiori municipi di Buenos Aires, Manuel Quindimil il quale, nonostante fosse storicamente un peronista, nel 2005 si allontanò dal kirchnerismo. Un caso analogo è quello del sindaco della città di Tigre, Sergio Massa, un tempo allineato allo schieramento peronista, che pian piano si è allontanato dal kirchnerismo per fondare un proprio movimento politico, movimento che recentemente ha perso numerosi voti, i quali sono andati ad alimentare la coalizione di Macri.

Le riforme del presidente Macri hanno cominciato a dare i loro primi frutti solo quest’anno, questo significa che dietro la vittoria del suo partito vi è una grande fiducia della popolazione, come si spiega questa fiducia nei confronti del Presidente?

Io credo che nel caso dell’Argentina l’approccio alla politica da parte del suo Presidente sia stato la carta vincente, al fine di invertire la tendenza per cui spesso alle elezioni di medio termine gli Esecutivi in carica subiscono una battuta d’arresto. Macri ha espresso la chiara volontà di non tornare indietro all’epoca delle contrapposizioni manichee (come quella tra la stampa che mentiva e la politica governativa vicina al popolo o quella fra l’autoritarismo e la democrazia) che hanno attraversato l’intera società argentina nell’epoca del kirchnerismo. L’intenzione di costruire ponti che al contrario uniscano i vari segmenti della società credo sia stata la carta vincente anche per affrontare la spinosa questione del ritrovamento del corpo di Santiago Maldonado, l’attivista scomparso due mesi fa in Patagonia dopo una manifestazione a favore degli indigeni della tribù Mapuche. Il momento in cui è stato ritrovato il corpo del giovane, proprio alla vigilia delle elezioni di domenica, poteva far pensare ad un tracollo del Governo in carica, investito da violente polemiche dopo l’accaduto.  Così non è stato perché la situazione, per quanto difficile, è stata gestita in maniera oculata dalle autorità di Governo, e la cittadinanza ha dato maggior peso all’approccio positivo generale da parte dell’Esecutivo piuttosto che a possibili errori da parte di singoli elementi.

Sono state sollevate critiche di una svolta autoritaria nel paese, queste critiche sono fondate e da dove derivano?

Non penso sia in corso una svolta autoritaria all’interno del Paese. Se si ripercorre la storia del peronismo, si deve ricordare come tale movimento politico nasce in un contesto di legami viscerali con i regimi corporativi dell’Europa degli anni ’30. E’ pertanto paradossale vedere che un movimento con alle spalle una storia di questo tipo dipinga come ‘fascisti’ i suoi oppositori. Nel momento in cui vi era (come durante le amministrazioni Kirchner) una rappresentazione manichea della società, vi era una necessità endemica di creare il Nemico (interno o esterno). Io ho vissuto in Argentina nell’epoca finale del kirchnerismo e ricordo ancora che per lunghi periodi appariva sui muri della città di Buenos Aires una scritta che recitava Cristina es el pueblo, scritta che si riferiva naturalmente a Cristina Kirchner. Non si diceva Cristina rappresenta il popolo, ma Cristina è il popolo, in qualche maniera lo incarna e ne percepisce i desideri e i turbamenti. Pertanto se Cristina incarna il popolo allora i suoi oppositori incarnano una sorta di “antipopolo”. Ed allora se Kristina incarna il popolo, i suoi oppositori sono l’antipopolo. E se, in maniera meccanica ma molto efficace, il popolo è il fondamento della democrazia, gli oppositori del popolo e della sua incarnazione sono anti-democratici e, dunque, autoritari. Le critiche al Governo di Macri derivano quindi soprattutto dalla visione politica e dalla storia dei suoi avversari e costituiscono un’arma retorica per screditare l’Esecutivo in carica.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->