giovedì, Dicembre 2

Macri e la satira televisiva, un punto controverso

0

Dopo un’imitazione satirica divertente ma parecchio pungente da parte dell’attore Freddy Villarreal nel programma Showmatch, Mauricio Macri si riappacifica con il conduttore del programma trasmesso su El Trece, Marcelo Tinelli. La querelle tra Macri e Tinelli era iniziata dopo che circa 30.000 utenti di Twitter avevano criticato aspramente il conduttore per le imitazioni, accusandolo di essere kirchnerista. La risonanza dell’incontro tra i due ha fatto discutere i media locali circa la reale importanza di tali questioni. A tal proposito sembra emblematico il commento del noto attore Gerardo Romano che ha dichiarato: «non conosco il motivo per cui il Presidente ha ricevuto Tinelli; con tutti i problemi che affliggono il Paese dedica il suo tempo per fare pace con un conduttore televisivo». L’incontro è avvenuto presso l’ufficio presidenziale di Olivos e, come segno di distensione, Macri e Tinelli hanno giocato e riso utilizzando Snapchat e deformando scherzosamente i propri volti. Le critiche sono arrivate anche dai sindacati di settore e dal campo artistico e dalla stampa: ad esempio, i due giornalisti Jorge Lanata e Jorge Rial hanno aspramente criticato la riunione tra il conduttore televisivo e il Presidente: «penso che sia un errore e che i politici non debbano prendere sul serio gli scherzi. Non credo che Tinelli influenzi la politica, ma l’opinione pubblica».

Il Presidente argentino tuttavia dimostra un’attenzione non da poco per i canali di telecomunicazione, fornendogli un’importanza particolarmente spiccata. Si è parlato, a tal proposito, anche di strategia di gestione dei social e della comunicazione poiché, nel mondo digitale di oggi, anche i personaggi politici più importanti sentono il bisogno di mostrare la propria immagine pubblica su internet e sui social, acquisendone popolarità e simpatia.

(video tratto dal canale Youtube di ‘America Tv’)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->