mercoledì, Ottobre 27

McDonald's sbarca in Pakistan

0

La catena americana di fast-food McDonald’s ha aperto il suo primo ristorante in città occidentale del Pakistan di Quetta, la casa di fama del consiglio dirigente del gruppo militante talebano ha visto sorgere quella che molti definirebbero come ‘l’alba di una nuova era’. Secondo quanto riportato da ‘NBC News‘ gli esponenti del movimento avrebbero affermato: «non consideriamo neppure come cibo». Tutte le voci delle pietanze presenti sul menù sono rigorosamente registrate con la scritta Halal, secondo la tradizione islamica , e vi è anche l’immancabile McArabia acquistabile a meno di 3.oo dollari a panino. Il franchising di ristoranti nato a  nel 1940 a San Bernardino, in California, ha sede ufficiale presso Oak Brook, Chicago, nello Stato dell’Illinois e i suoi ristoranti conosciuti in tutto il mondo impiegano mediamente 438.000 persone. In Italia il primo MacDonald’s venne aperto, con scarsi risultati, il 15 ottobre 1985 a Bolzano e venne chiuso 4 luglio 1999. Successivamente il 20 Marzo del 1986 presso Piazza di Sagna a Roma la catena decise di ‘ributtarsi’ nel mercato italiano, partendo proprio dalla capitale, con un nuovo ristorante a due piani. Lo scorso anno è stata testimonial e sponsor ufficiale di Expo con un padiglione dedicato nelle vicinanze del Decumano, con punto di ristoro annesso. Tale scelta da parte del direttivo organizzativo ha scatenato diverse polemiche da perte dell’opinione pubblica, in particolare modo dai rappresentanti di  Slow Food

 

 

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Wochit Business‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->