giovedì, Luglio 29

L'uomo con più brevetti di Thomas Edison field_506ffb1d3dbe2

0

Thomas Edison ha registrato il suo ultimo brevetto nel 1933. Alla fine della sua carriera era una celebrità internazionale con 1.084 brevetti utili che riportavano il suo nome. Il record di Edison è perdurato fino a quest’anno. Il 7 luglio 2015, infatti, Lowell Lincoln Wood Jr. ha ricevuto il suo brevetto numero 1.085, superando così l’inventore più famoso e prolifico d’America. Cosa ancora più notevole, è che Wood ha più di 3mila invenzioni in attesa di esame da parte del US Patent Office. Eppure Lowell Wood è un nome che probabilmente non avete mai sentito prima e questo non è casuale. Ci sono voluti mesi prima che il giornalista Ashlee Vance di Bloomberg Business riuscisse a parlare con Wood.

Wood è un esperto in astrofisica, chimica, biologia, paleontologia e specializzato in almeno altri 21 campi scientifici, «ed è per questo che il numero delle sue invenzioni è ‘assurdo’: dai reattori nucleari ai vaccini, dai sistemi di stoccaggio rifiuti alla tecnologia laser… per circa 30-40 anni ha lavorato per il Governo in ambito armi di difesa e sistema spaziale» – la sua invenzione più nota fu il laser spaziale, come in Star Wars, quello che intendeva difendere l’America dai russi durante la Guerra Fredda. Nel 2006 si unì a Intellectual ventures, compagnia famosa in creazione di idee, dove iniziò la sua collaborazione con Bill Gates e Nathan Myhrvold, le grandi menti di Microsoft. «Quindi ogni giorno tre geni come questi lavorano insieme per 3-4 ore. Wood e Gates cominciarono a frequentarsi assiduamente, finalmente qualcuno con cui potersi relazionare allo stesso livello. Lowell è un ‘personaggio’: non gli piace stare al centro dell’attenzione, esistono solo un paio di foto e si rifiuta di farne altre, di fronte alle domande chiude le risposte, deviando il discorso in continuazione». Lowell descrive il processo inventivo come una specie di “rielaborazione”: fatti che fluiscono nella sua testa uniti alla sua straordinaria capacità di organizzarli in modi differenti.

(tratto dal canale Youtube di Bloomberg Business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->