sabato, Ottobre 23

L’università perfetta, tra burrasche web e nuovi guru La crisi della formazione tradizionale: costi bassi, non professori ma imprenditori e nuovi guru in cattedra

0
1 2


Ma, quali sono invece i principali ostacoli per i giovani d’oggi? I costi del college sono aumentati molto di più di quanto abbia fatto l’inflazione e l’indebitamento degli studenti americani è raddoppiato passando da 600 miliardi di dollari nel 2008 a oltre 1,2 trilioni nel 2015.
Buona parte degli universitari chiede che i prestiti destinati allo studio vengano erogati a interessi zero. Le richieste più radicali, si rivolgono direttamente ai governi federali a cui è chiesto di farsi carico delle rette. Mentre, il tema scalda la campagna elettorale americana, che lusinga i giovani elettori con l’impegno dei candidati a una battaglia per corsi di studio gratuiti.
Nei campus inglesi, l’Higher Education Council of England ha previsto che nell’anno accademico 2017-2018 il ricorso all’indebitamento per finanziare il capitale di espansione salirà a 453 milioni di sterline, rispetto ai 359 milioni del 2013-14.
In confronto al costo annuo di 64mila dollari di Princeton, senza considerare squadre sportive, biblioteche o altre spese che contribuiscono al prestigio delle università tradizionali (legacy cost) e a gonfiarne i conti, la retta di una università come Minerva è di circa 28mila dollari l’anno e comprende tasse scolastiche, vitto, alloggio e altre spese, e un portafoglio studenti di poco inferiore a quello di Harvard o Yale.

Come funziona l’università perfetta? Gli studenti vengono divisi in piccoli gruppi e partecipano a seminari online attraverso una piattaforma che ne traccia la provenienza e i risultati; ogni sei mesi tutti insieme si spostano da una città ad un’altra, vivendo in affitto nei residence universitari.
Il programma di laurea di quattro anni comincia con un focus sulla padronanza delle competenze intellettuali o ‘abitudini della mente e concetti fondamentali del linguaggio’.

Una ricerca condotta dalla piattaforma online Coursera, l’Università della Pennsylvania e l’Università di Washington ha svelato che persone poco istruite e con uno status socio-economico basso, trovano molto beneficio nella formazione online. L’inchiesta, condotta su 780mila persone provenienti da 212 Paesi, ha anche fatto emergere che il ritorno allo studio di persone in età avanzata avviene grazie ai molto discussi MOOC (Massive Open Online Course), ovvero corsi online aperti e pensati per una formazione a distanza.

Questa nuova forma d’insegnamento minaccia le università tradizionali oppure accentua le disuguaglianze scolastiche? L’università tradizionale cambia oppure ci sarà una convivenza pacifica tra due forme diverse di studi, una tradizionale ed elitaria e l’altra popolare?
Se osserviamo i grandi libri di successo, quelli di oggi, non sono scritti dai professori di Harvard o Stanford, ma dai grandi investitori tecnologici, che stanno ribaltando il mondo tradizionale del business. Pensiamo al settore traditional pharma distrutto dal biotech, pensiamo al mondo tradizionale dei trasporti distrutto da Uber, o Airbnb che distrugge il mondo alberghiero tradizionale, o l’artificial intelligence che distrugge posti di lavoro nel settore intelligente, pensiamo al fintech che disintermedia le banche, che fa sì che gli analisti finanziari diventino robot e non ci sia più bisogno delle persone fisiche.

Vivendo l’innovazione in prima persona, si manda in grande difficoltà il mondo accademico tradizionale.

In prima linea, non ci sono più i vecchi professori, ma gli imprenditori, che al tempo stesso sono anche i nuovi guru.

La stessa struttura delle business school è, dunque, intaccata dalla trasformazione in corso. Crediamo che in futuro ci saranno più università a nome ‘Harvard’ a costo inferiore e senza tutti quei legacy cost, che oggi massacrano le rette scolastiche. Si offrirà moltissima conoscenza essenziale a un prezzo accettabile e le università saranno molto più attrattive per i ‘millenia’ ovvero i giovani technology driven.
Il futuro del mondo sarà sempre più orientato verso questi nuovi filoni innovativi e tecnologici, che renderanno la nostra attuale conoscenza obsoleta tra pochi anni, quando la tua automobile guiderà da sola, i consigli finanziari te li darà una macchina e il frigorifero ordinerà da solo cosa comprare o no al supermercato.

Giacomo Leopardi scriveva: «Il gran torto degli educatori è il volere che ai giovani piaccia quello che piace alla vecchiezza o alla maturità, che la vita giovanile non differisca dalla matura, di voler sopprimere la differenza dei gusti e dei desideri; di volere che gli ammaestramenti, i comandi e la forza della necessità suppliscano all’esperienza».

Le forze dell’innovazione cambiano e modificano la nostra struttura tradizionale day after day.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->