mercoledì, Aprile 14

L'unione di Bayer e Monsanto field_506ffbaa4a8d4

0

Il leader mondiale della chimica-farmaceutica, ovvero il gruppo tedesco Bayer, ha avviato le trattative per acquisire la multinazionale USA delle biotecnologie Monsanto.  L’offerta dei tedeschi sulla rivale americana sarebbe di circa 42 miliardi di dollari. Se le trattative andranno a buon fine, nascerà il più grande fornitore al mondo di pesticidi e semi da colture al mondo. Lo ha confermato la stessa Bayer in un comunicato, che ha precisato: «La combinazione proposta rafforzerebbe Bayer con posizioni di leadership nei settori del core business e farebbe nascere un gruppo leader nel business agroalimentare». Inoltre, l’acquisizione permetterebbe al gruppo tedesco di rafforzarsi nell’attività della Life Science, con posizioni di leadership nei suoi segmenti principali, e collocarsi tra i maggiori realizzatori di prodotti biotecnologici al mondo.

In caso di acquisizione, nascerebbe un gruppo da circa 60 miliardi di euro di fatturato.

Dal canto suo la Monsanto ha dichiarato, in un breve comunicato in cui non ha rivelato alcun dettaglio finanziario, ha confermato di aver ricevuto l’offerta di acquisizione ‘non vincolante e non richiesta’ da parte di Bayer, ma che il suo consiglio d’amministrazione stava esaminando la proposta. Proposta che sarà soggetta ad approvazioni regolamentari e ad altre condizioni: infatti, non vi è alcuna garanzia che qualsiasi transazione possa avere luogo.

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Wochit Business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->