lunedì, Maggio 17

Lunedì 4 maggio 2020: ‘festina lente’ Iniziamo la seconda fase, sì, ricominciamo con la nostra vita, sì, ma non la ‘solita’, quella di prima; ripartiamo, ma attenzione a ‘agire senza indugi, ma con cautela’. Lunedì 4 maggio 2020: Giornata della lentezza per cominciare bene

0

Lunedì 4 maggio 2020: Giornata della lentezza o Capodanno lento 2020
Lunedì 4 maggio 2020: l’inizio della fase 2 del periodo di confinamento a casa per contenere la diffusione del tristemente famoso coronavirus Covid19
Lunedì 4 maggio 2020: una data per cominciare bene

Lunedì 4 maggio 2020 è l’inizio della 2° fase di convivenza con il Covid-19, è anche, per noi, la Giornata della Lentezza, insomma, quel 4 maggio DEVE essere una giornata per ricominciare, soprattutto per cominciare bene.

Per molti di noi, soprattutto per i più piccoli, dopo quasi due mesi di immobilità, sarà la prima occasione per fare piccole uscite e per potersi muovere, almeno un po’.

Questa coincidenza può essere letta, irridendola, come un’anacronistica follia o come una luce che illumina il mare. Ha senso parlare di lentezza il 4 maggio 2020? una data che forse ricorderemo per sempre, a persone formalmente ferme da tanti giorni, o a persone piene di dolore per la perdita dei propri cari o ancora a persone spaventate dal contagio, impaurite e arrabbiate per le difficoltà economiche o stanche di giocare h24 con i propri bambini abbandonati sulle spalle delle famiglie? Forse la domanda giusta è: come parlare di lentezza in un periodo complicato come questo?

Non è un caso questa sovrapposizione di date.
Vivere con lentezza il 4 maggio 2020 vuol soprattutto dire non avere fretta di ripartire come prima. Vuol dire essere pronti a fare sacrifici per rimettersi in piedi, senza essere sopraffatti dalla rabbia per il tempo o quanto perduto. Vivere con lentezza ‘il’ o ‘dal’ 4 maggio 2020 vuol dire mantenere le buone abitudini apprese durante #iorestoacasa, come leggere molto, giocare con i bambini, telefonare ad amici vecchi o giovani, limitare gli acquisti inutili, non sprecare il cibo, riflettere sul nostro amato pianeta, imparare a trovare soluzioni creative a problemi vari invece di limitarci al lamento e soprattutto, sostenerci l’un l’altro.

Il 4 maggio 2020 non è un liberi tutti, è piuttosto un ricominciamo a vivere con lentezza e riflessione. Il 4 maggio più che mai serve essere presenti a noi stessi e attenti agli altri per non fare danni.
Ma per fare tutto ciò ci vuole tempo, il tempo della consapevolezza. In tanti in questi giorni sostengono che d’ora in avanti tutte le nostre vite saranno forzatamente lente. Non credeteci. Ricordate quanti buoni propositi dopo l’11 settembre? Non è cambiato praticamente niente. Dopo tanti anni di esperienza di volontariato in carcere a stretto contatto con i detenuti, sappiamo che in gran parte quando escono vogliono recuperare il tempo perduto.
Vivere con lentezza sarà sempre un atto volontario.

Ecco perché questo lunedì 4 maggio 2020, una data per tanti tatuata nella propria anima, è così magico, che sia quindi l’inizio della nostra fase 2 e il capodanno della lentezza.

Come diceva Augusto, ‘festina lente’, affrettati lentamente, un ossimoro che unisce velocità e lentezza e che indica un agire senza indugi, ma con cautela.
Perché dobbiamo ripartire bene.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->