sabato, Ottobre 16

L’ONU condanna la violenza sessuale in Sud Sudan

0

La missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan (UNMISS, United Nations mission in South Sudan) ha formalmente condannato i casi di violenza sessuale, compreso lo stupro e lo stupro di gruppo, di donne e ragazze, da parte di soldati e uomini armati non identificati.  L’ONU dichiara che ci sono stati almeno 120 casi di violenza sessuale e stupro contro i civili nella capitale del Sud Sudan, Juba, da quando sono scoppiati i combattimenti, tre settimane fa, che coinvolgono anche carri armati ed elicotteri, tra le truppe fedeli al Presidente Salva Kiir e quelli a sostegno del vicepresidente Riek Machar.

Dal momento in cui il combattimento è scoppiato, l’UNMISS Human Rights and Women Protection Advisers ha continuato a registrare un’ampia diffusione di violazioni dei diritti umani. Tuttavia, nonostante le continue richieste, provenienti da tutte le parti, di cessare questo tipo di comportamento disumano, le Nazioni Unite continuano a ricevere segnalazioni del loro verificarsi. L’ONU ha sottolineato che tali atti di violenza costituiscono gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e possono essere considerati come crimini di guerra e crimini contro l’umanità.
Nel frattempo, i combattimenti continuano ed è stata segnalata l’uccisione di centinaia di persone.

 

 

 


 

(video tratto dal canale YouTube di Africanews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->