lunedì, Giugno 14

Londra: paura a Leytonstone

0
1 2 3


Un sabato sera di terrore quello vissuto nella stazione metropolitana di Leytonstone. Alle 19:06 (GMT) un uomo di 56 anni è stato gravemente ferito da diversi colpi di arma da taglio per mano di un ventinovenne che avrebbe urlato «Questo è per la Siria» prima dell’aggressione. Fatto che è stato catalogato, da parte di Scotland Yard, come ‘atto di terrorismo’ e che si lega a quel fil rouge che passa da Parigi, San Bernardino e arriva a Londra, precisamente a una fermata della metropolitana nell’East London.

Diversi testimoni hanno riferito ai servizi di stampa e alle forze dell’ordine, i dettagli di quanto avvenuto nella stazione della metropolitana di Leytonstone. La frase di uno dei testimoni è rimbalzata veloce di social network in social network, fino a divenire un hashtag incluso in molti commenti. L’hastag, che riprende le parole pronunciate da un uomo presente al fatto, è #YouAintNoMuslimBruv, ‘Tu non sei mussulmano fratello’.

Larga parte del Regno Unito è stata capace di non soccombere alla paranoia del terrore. Certamente i media che si sono lanciati sul luogo e hanno intervistato testimoni e abitanti della zona, hanno raccolto dichiarazioni che evidenziano una certa preoccupazione. Tuttavia, il commento di quel testimone è stato in grado di sintetizzare un sentimento di disprezzo verso il terrorismo e la strumentalizzazione delle religioni come mezzi di diffusione della paura.

L’hashtag #TerrorismHasNoReligion dopo gli attacchi di Parigi, e ora le parole di quel ragazzo danno voce a molti londinesi e, soprattutto, a tutti quei musulmani che non si sentono affatto rappresentati dal terrore e dallo Stato Islamico. Come dopo i fattacci di Hackney del 2011, Londra questa volta non si stringe attorno a una simbolica ‘scopa’, ma spazza via un atto di terrore con cinque semplici parole: #YouAintNoMuslimBruv. Così reagiscono i sudditi di sua Maestà. E lo fanno proprio quando il Governo ha votato a favore dell’impegno della Royal Air Force in Siria.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->