domenica, Ottobre 17

Londra, il 'via libera' all'embrione geneticamente modificato field_506ffbaa4a8d4

0

Per la prima volta la Gran Bretagna ha dato il ‘via libera’ a un programma di ricerca che prevede l’utilizzo di embrioni umani geneticamente modificati. La Human Fertilisation and Embryology Authority (HFEA), l’autorità che regola il campo della fecondazione assistita ed embriologica, ha approvato la richiesta della scienziata Kathy Niakan che condurrà i suoi studi presso il Francis Crick Institute di Londra con l’obiettivo di arrivare a una comprensione più profonda di cosa accade nei primi momenti della vita umana.

Attualmente circa il 50% degli ovociti fecondati non si sviluppa correttamente e secondo gli esperti il responsabile potrebbe essere proprio un’anomalia nel codice genetico. Una volta identificati i geni cruciali per la divisione delle cellule sane, si potrebbero escludere da metodiche di procreazione medicalmente assistita gli embrioni il cui DNA non funziona correttamente. In questo modo, sostengono gli studiosi britannici, si potrebbero prevenire aborti e favorire la fertilità.

Gli esperimenti inizieranno nei primi sette giorni dopo la fecondazione, con campioni provenienti da cliniche che utilizzano tecniche di fecondazione in vitro, i risultati potrebbero spiegare cosa va storto nei casi di aborto spontaneo. Rimane, invece, il divieto di impiantare questi embrioni in una donna. Gli esperimenti potrebbero iniziare nei prossimi mesi. Si tratta di una delle prime autorizzazioni di manipolazione di embrioni umani, dopo un primo tentativo cinese all’inizio del 2015.

 

(video tratto dal canale YouTube di Al Jazeera)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->