martedì, Settembre 28

Lobby Report: i siriani ritornano e i cinesi si attrezzano A Washington: il più grande produttore di chip cinese assume il suo primo lobbista USA; il Presidente della Costa d'Avorio Alassane Ouattara si dà da fare in vista delle elezioni

0

Ogni anno governi, società e individui di tutto il mondo spendono mezzo miliardo di dollari per fare pressioni per i loro interessi geopolitici negli Stati Uniti.
Foreign Lobby Report’, il nostro partner a Washington, esamina dozzine di documenti pubblici ogni settimana per produrre il registro più completo delle campagne di influenza straniera ovunque.

Ecco di seguito i titoli principali della settimana del 28 settembre

L’opposizione siriana ritorna fare lobby a Washington

Ricordate l’opposizione siriana? E’ tornata! Dopo una pausa di anni, la Coalizione nazionale siriana con sede in Turchia sta ricostruendo la sua presenza a Washington.
Con lo Stato islamico in gran parte sconfitto, la missione statunitense del gruppo cerca di ricordare ai funzionari statunitensi che gli alleati curdi dell’America non sono l’
unica opposizione. Per milioni di siriani, una transizione politica con l’uscita di Bashar al-Assad rimane l’obiettivo finale.
Non perde
te l’intervista esclusiva con l’ex prigioniero politico di 30 anni che sta portando nuova linfa e nuove idee all’organizzazione. Etrovate disponibile anche la versione italiana.

Il più grande produttore di chip cinese assume la prima azienda di lobbying in USA

La decisione di assumere la sua prima società di lobbying in USA assunta proprio mentre l’Amministrazione di Donald Trump ha annunciato le nuove restrizioni.
La Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC) è solo l’ultima azienda tecnologica cinese alla ricerca di un modo per evitare di essere tagliata fuori dal mercato dei suoi fornitori statunitensi.
Il gigante di Washington, Akin Gump Strauss Hauer & Feld LLP, farà pressioni sull’‘ammissibilità’ della Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC) «per importare prodotti relativi ai semiconduttori di origine statunitense secondo le leggi sul controllo delle esportazioni degli Stati Uniti». La registrazione è effettiva dal 16 settembre.

L’idea di Khashoggi si unisce al crescente coro di oppositori delle autocrazie arabe

Il sogno del giornalista saudita assassinato Jamal Khashoggi è finalmente diventato realtà due anni dopo la sua morte. Martedì, amici ed ex colleghi del giornalista del ‘Washington Post’ hanno lanciato formalmente Democracy for the Arab World Now(DAWN), una ‘organizzazione ibrida’ che combina ricerca e difesa dei diritti umani, analisi dei think tank e una piattaforma editoriale per le voci esiliate dalla regione

DAWN non è sola. Il gruppo si unisce a un coro crescente di gruppi per i diritti umani che sostengono un ripensamento dei legami degli Stati Uniti con le autocrazie arabe.

La presidenza della Costa d’Avorio assume una nuova società di lobby in vista delle elezioni

La presidenza della Costa d’Avorio ha assunto una nuova società di lobbying statunitense in vista delle controverse elezioni previste per fine mese.

Il Presidente Alassane Ouattara è in corsa per un terzo mandato, tra le accuse dell’opposizione di violare la Costituzione.

Glover Park Group ha firmato come lobbista per l’ufficio del Presidente della Costa d’Avorio. L’azienda fungerà da consulente in «affari governativi e questioni di comunicazione». La registrazione è effettiva dal 18 settembre. Nel frattempo sia il Congresso che la Corte Suprema stanno valutando le accuse di lavoro minorile nel Paese.

Altre tra le principali notizie riguardano questa settimana le attività condotte da Canada, Giappone, Kazakistan, Pakistan, Polonia, Myanmar, Iraq, Kuwait.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Julian Pecquet is the founder and editor of Foreign Lobby Report, the comprehensive news site tracking foreign influence operations in Washington. Prior to launching the site on June 1, 2020, Julian was a reporter and editor for Middle East news site Al-Monitor for six years. There he initiated lobbying coverage that won national awards from the Online News Association and the Society of American Business Editors and Writers (SABEW). Before that he was a Global Affairs reporter for The Hill and a newspaper reporter in Florida for many years. Contact him at jpecquet@foreignlobby.com or on Twitter @JulianPecquet

End Comment -->