sabato, Luglio 31

Lobby Report: Armi turche e pannelli solari cinesi sperano in Biden Le armi turche cercano di scavallare il muro di sanzioni Washington. I pannelli solari cinesi scommettono sul piano verde del nuovo Presidente e putano all’eliminazione dei dazi

0

Ogni anno governi, società e individui di tutto il mondo spendono mezzo miliardo di dollari per fare pressioni per i loro interessi geopolitici negli Stati Uniti.

Foreign Lobby Report, il nostro partner a Washington, esamina dozzine di documenti pubblici ogni settimana per produrre il registro più completo delle campagne di influenza straniera ovunque.

A Washington in attesa che Joe Biden entri alla Casa Bianca molti equilibri stanno mutando, mentre si discute di una restrizione sul FARA, il Foreign Agents Registration Act che regola le attività lobbistiche nel Paese.

Lobbying e legge: gli USA discutono

Venerdì 4 dicembre, l’American Conference Institute ha ospitato il suo secondo Forum nazionale annuale sulla FARA, il Foreign Agents Registration Act, la normativa che regola le attività di lobbying in USA . Il vice procuratore generale aggiunto per la divisione della sicurezza nazionale Adam Hickey ha tenuto il discorso principale della conferenza, aprendo nuovi orizzonti e riaffermando che il FARA è in primo piano e al centro tra le priorità del Dipartimento di giustizia.

Il capo della FARA, Brandon Van Grack, l’anno scorso aveva dichiarato che la sua unità stava assumendo una visione più ampia della portata della FARA rivolgendosi agli attori che si trovano al di fuori degli Stati Uniti, anche se la normativa afferma che gli attori regolamentati devono condurre attività ‘all’interno degli Stati Uniti’. Hickey ha ribadito questa posizione, osservando che «anche coloro che non hanno una presenza fisica qui sono in grado di agire» all’interno «degli Stati Uniti, in virtù di Internet e della posta» . Le ramificazioni di questo punto di vista non possono essere sopravvalutate.
Possibile, dunque, che la riflessione conduca non solo a un sistema di regole più strette in materia, ma anche ad una revisione della legge FARA, la quale risale al 1938 ed è vecchia e non adatta al business o alla tecnologia moderna.

Le armi turche cercano di scavallare il muro di sanzioni Washington cambiando i lobbisti

Un importante appaltatore di armi turco sta rinnovando le sue operazioni di lobbying tra un numero crescente di minacce da Washington.

Turkish Aerospace Industries (TAI) ha recentemente assunto la società di lobbying bipartisan di Washington Capitol Counsel nel tentativo di superare gli ostacoli posti dal Congresso alla sua capacità di esportare armi contenenti tecnologia statunitense. Ora nuove sanzioni del Dipartimento di Stato contro il settore della difesa turco potrebbero complicare ulteriormente questo sforzo.

Capitol Counsel ha iniziato a lavorareper la società turca a luglio come subappaltatore per Greenberg Traurig. Le aziende avevano il compito di aiutare a sbloccare una vendita da 1,5 miliardi di dollari di 30 elicotteri d’attacco T-129 di fabbricazione turca.

TAI ha siglato un accordo con il Pakistan nel 2018 per sostituire la sua vecchia flotta di cannoniere Bell AH-1F Cobra dell’era del Vietnam, che sono superatedai nuovi Boeing AH-64 Apaches rivali dell’India. I motori CTS800 delle cannoniere turche sono prodotti congiuntamente da Rolls-Roycee Honeywell, una società statunitense che deve ottenere autorizzazione dal Governo USA per l’esportazione della sua produzione.

Il contratto di TAI con Greenberg Traurig è stato risoltoil 29 ottobre. Giorni prima, l’azienda aveva smesso di rappresentare l’Ambasciata turca a Washington a causa delle pressioni dei gruppi armeno-americani che si oppongono al sostegno della Turchia all’Azerbaigian nel conflitto con l’Armenia sul Nagorno-Karabakh.

Una nuova dichiarazione di lobbying mostra che Capitol Counsel ora lavora direttamente per la compagnia turca. Il contratto iniziale è valido dal 31 ottobre al 15 novembre, con la possibilità di rinnovarlo per sette mesi per 25.000 dollari al mese. Gli sforzi del Capitol Counsel sono incentrati sul coinvolgimento dei vertici democratici e repubblicani nelle commissioni esteri della Camera e del Senato. Capitol Counsel ha in particolare il compito di impegnarsi direttamente con il ramo esecutivo del governo degli Stati Uniti, tra cui la Casa Bianca, il Dipartimento di Stato, il Dipartimento della Difesa e il Dipartimento del Commercio, al fine di autorizzare la vendita degli elicotteri al Pakistan Army Aviation Corps,o a qualsiasi altra terza parte. L’azienda dovrebbe anche incontrare i sindacati per illustrare loro le opportunità di lavoro che si creeranno a seguito del rilascio della licenza di riesportazione del motore.

La missione di lobbying potrebbe essere diventata più complicata del previsto appena sottoscritta.Infatti, proprio mentre il Capitol Counsel stava presentando la sua divulgazione di lobbying, il Segretario di Stato Mike Pompeo haannunciato che gli Stati Uniti stavano sanzionando la Presidenza turca delle industrie della difesa(SSB), l’ufficio governativo che gestisce l’industria della difesa turca. Le sanzioni vengono imposte ai sensi del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA), una legge del 2017 rivolta a Russia, Iran e Corea del Nord. Turkish Aerospace Industries è di proprietà di SSB e della Turkish Armed Forces Foundation.

Non è chiaro se il divieto di licenza di esportazione si applichi alla società TAI o alla vendita specifica di elicotteri in Pakistan. Inoltre, non è chiaro se il divieto renderà più difficile per le società statunitensi come Honeywell partecipare a progetti TAI, come il T-129 in futuro.

Indipendentemente dall’interpretazione finale del Dipartimento di Stato, le sanzioni dovrebbero essere un campanello d’allarme per le aziende che fanno affari con il settore della difesa della Turchia, ha affermato Jonathan Schanzer, vicepresidente senior per la ricerca presso la Foundation for Defense of Democracies, un pensatoio di destra critico nei confronti della Turchia.

È un segno che il governo degli Stati Uniti non si fida più delle forze armate turche, e questo ha conseguenze significative per la NATO“, ha detto Schanzer a ‘Foreign Lobby Report’, aggiungendo che è un segnaleper i mercati che la Turchia è una ‘risorsa danneggiata’, le banche e le istituzioni finanziarie potrebbero iniziare a prendere le distanze, non sapendo cosa potrebbe accadere dopo.

Recep Tayyip Erdogan ha promesso di ‘svezzare’ l’industria degli armamenti turca dalla sua dipendenza dalle componenti statunitensi.

Con un Biden che guarda alle rinnovabili il gigante cinese dei pannelli solari si dà da fare

La filiale statunitense di un gigante cinese dei pannelli solari, JinkoSolar Holding Co. di Shanghai, ha assunto un’importante azienda di lobbying bipartisan poiché il settore delle energie rinnovabili spera in un forte impulso sotto l’Amministrazione entrante di Joe Biden .

Mercury Public Affairs sta attualmente negoziando un contratto scritto con JinkoSolar (USA) , la filiale con sede a San Francisco del più grande produttore mondiale di pannelli solari. L’azienda è stata incaricata, a partire dal 7 dicembre, di fornire consulenza sui servizi di pubbliche relazioni relativi alle pratiche commerciali e agli interessi economici di JinkoSolar, incluso il coinvolgimento dei media statunitensi, secondo una nuovadichiarazione di lobbismo.

Mercury ha affermato di essersi registrato presso il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ai sensi del Foreign Agents Registration Act (FARA). La società madre del cliente, JinkoSolar Holding Co. è quotata alla Borsa di New York dal 2010. Le sue operazioni negli Stati Uniti includono uno stabilimento di produzione a Jacksonville, in Florida.

JinkoSolar (USA) ha rifiutato di dire perché ha mantenuto l’assistenza per lobbying. Ma è un membro della Solar Energy Industries Association, un gruppo commerciale le cui

prioritàincludono l’eliminazione dei dazi del 2018 imposti da Presidente Donald Trump sui pannelli solari importati, che miravano a colpire la concorrenza dalla Cina.


JinkoSolar (Stati Uniti) aveva precedentemente mantenuto i servizi di Orrick, Herrington & Sutcliffe e Mehlman Castagnetti Rosen & Thomas subito dopo che Trump aveva imposto le sue tariffe solari nel gennaio 2018, ma quei contratti sono stati risolti più tardi nello stesso anno. Anche le attività di lobbying interne alla società si sono esaurite, passando da 300.000 dollari nel 2018 a soli 6.000 dollari nei primi tre trimestri di quest’anno.

La registrazione arriva mentre il prezzo delle azioni di JinkoSolar è salito alle stelle negli ultimi mesi a causa del sostegno politico alle energie rinnovabili sia in Cina che negli Stati Uniti. Il presidente cinese Xi Jinping si è impegnatoall’Assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre a raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2060, mentre Biden ha promesso durante la campagna presidenziale di investire 400 miliardi di dollari in 10 anni in energia pulita e innovazione -parte del suo piano da 2 trilioni di dollari per eliminare tutto emissioni di gas serra dalla rete elettrica degli Stati Uniti entro 15 anni.

“Il produttore di pannelli solari con sede in Cina è cresciuto a seguito del rapporto sugli utili pubblicato verso la fine di settembre, poi ha subito un’accelerazione quando i sondaggi hanno mostrato una vittoria democratica sempre più probabile nelle elezioni di novembre. Secondo gli esperti, il futuro di Jinko, insieme a quelli di altri leader del settore solare, sembra luminoso.

JinkoSolar non è l’unica tra le società straniere di energia rinnovabile a intensificare le loro pressioni.

Hanwha Q CELLS America Inc., la filiale statunitense del produttore sudcoreano di pannelli solari Hanwha Solutions Corp., ha assunto Boundary Stone Partners a partire dal 28 ottobre su una serie di questioni, tra cui appalti federali di energia rinnovabile.

L’ex segretario all’energia Spencer Abraham ha recentemente registrato il suo gruppo Abraham come lobbista per il gigante spagnolo dell’energia verde Iberdrola, a partire dal 1 ° luglio.

Rabat: i soldi spesi bene per il Sahara occidentale

Il riconoscimento da parte dell’Amministrazionedi Donald Trump della sovranità marocchina sul Sahara occidentale segna il culmine di una campagna di lobbying plurimilionaria da parte del regno nordafricano.

Gli Stati Uniti diventano il primo Paese a riconoscere le rivendicazioni di Rabat sul territorio conteso in cambio del Marocco che normalizza le relazioni con Israele a seguito di mosse simili di Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Sudan.
La decisione crea nuove pressioni sulle Nazioni Unite affinché adottino il piano di autonomia del Marocco per la regione al posto di un referendum sull’indipendenza a lungo ritardato per i saharawi nativi.

«Gli Stati Uniti ritengono che uno Stato saharawi indipendente non sia un’opzione realistica per risolvere il conflitto e che la vera autonomia sotto la sovranità marocchina sia l’unica soluzione fattibile» , ha detto il Presidente Trump in un intervento. «Esortiamo le parti a impegnarsi in discussioni senza indugio, utilizzando il piano di autonomia del Marocco come unico quadro per negoziare una soluzione reciprocamente accettabile».

Negli ultimi anni il Marocco ha speso circa 3 milioni di dollari l’anno per fare pressioni per arrivare a questo risultato. E’ un punto di arrivo importante per Rabat, ma ora inizierà la seconda fase, quella che dovrebbe portare al riconoscimento da parte del resto del mondo, a partire dai membri più importanti che siedono al Palazzo di Vetro

Haiti in vista delle elezioni preme sugli USA

Il nuovo inviato di Haiti negli Stati Uniti ha assuntoun ex consigliere statunitense dell’ex Presidente Michel Martelly per l’attività lobbistica e l’aiuto in fatti di pubbliche relazioni in vista delle elezioni cruciali del prossimo anno.

Il contratto di un anno con Damian Merlo e il suo gruppo consultivo per l’America Latina con sede a Miami è di 8.000 dollari al mese. È stato firmato il 17 novembre dall’ambasciatore Bocchit Edmond, la cui nomina è stata annunciata all’inizio di questo mese.

Lo scopo del lavoro include la sensibilizzazione ai responsabili politici statunitensi nel ramo legislativo ed esecutivo e l’identificazione dileader al Congresso per evidenziare i progressi ad Haiti e aiutare con varie iniziative. Merlo è anche incaricato di gestire le relazioni con i media internazionali e il coinvolgimento dei think tank.

Madrid prova spingere il suo turismo

Turespaña, l’Ufficio del Turismo della Spagna,ha firmato un contratto biennale da 214.000 dollari con MMGY Global, la più grande agenzia di marketing di viaggio del mondo, per gestire i social network dell’Ufficio del turismo della Spagna a New York. L’azienda con sede a Kansas City gestirà i canali dei social media e spenderà per promuovere la Spagna ai viaggiatori del Nord America. Il contratto è datato 5 agosto ma è stato appena divulgato al Dipartimento di Giustizia questa settimana.

Mauritius si vende: una base americana per 99 anni

L‘ex ambasciatore degli Stati Uniti in Germania Richard Burt e la sua società McLarty Inbound hanno ricevuto175.000 dollari dal governo delle Mauritius nei sei mesi fino a novembre per sostenere le rivendicazioni del Paese dell’Africa orientale sull’arcipelago Chagos controllato dagli inglesi.
Il gruppo di 60 isole tropicali comprende la base della US Navy a Diego Garcia. L’azienda ha in particolare contribuito a organizzare una
tavola rotonda virtuale il 24 giugno ospitata dal Center for the National Interest, un think tank di Washington. L’inviato di Mauritius all’ONU, Jagdish Koonjul, ha detto al gruppo che il Paese è disposto a negoziare un contratto di locazione di 99 anni con gli Stati Uniti per Diego Garcia se le sue rivendicazioni di sovranità andranno in porto.

Gli Stati Uniti hanno preso in affitto Diego Garcia dalla Gran Bretagna dal 1966 con un accordo segreto firmato dopo che gli inglesi hanno separato le isole Chagos prima dell’imminente indipendenza di Mauritius ed esiliato i suoi abitanti. Il contratto di locazione è stato prorogatonel 2016 per altri 20 anni, fino al 2036. Tale accordo è ora in pericolo perché la Corte internazionale di giustizia (ICJ) dell’Aia ha emesso un parere consultivonel febbraio 2019 chiedendo la fine del controllo britannico sul territorio. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha successivamente approvato una risoluzione che invitava il Regno Unito a ritirare la sua amministrazione coloniale dall’area entro la fine del 2019 (gli Stati Uniti hanno votato contro tale risoluzione).

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Julian Pecquet is the founder and editor of Foreign Lobby Report, the comprehensive news site tracking foreign influence operations in Washington. Prior to launching the site on June 1, 2020, Julian was a reporter and editor for Middle East news site Al-Monitor for six years. There he initiated lobbying coverage that won national awards from the Online News Association and the Society of American Business Editors and Writers (SABEW). Before that he was a Global Affairs reporter for The Hill and a newspaper reporter in Florida for many years. Contact him at jpecquet@foreignlobby.com or on Twitter @JulianPecquet

End Comment -->