domenica, Maggio 9

Lo Yemen e la sua lotta alla sopravvivenza

0

In Yemen è emergenza umanitaria e lotta alla sopravvivenza. Il direttore delle operazioni umanitarie delle Nazioni Unite, John Ging ha lanciato un appello, a favore di 7,6 milioni di persone che stanno affrontando gravi carenze di cibo e sono ad un passo dalla carestiaSull’indice internazionale di insicurezza alimentare, gli yemeniti sono un gradino sotto il livello della fame. Milioni di persone hanno urgente bisogno di cibo e acqua potabile, perciò l’appello delle Nazioni Unite è quello di raccogliere 1,8 miliardi di dollari per aiutare più di 13 milioni di yemeniti, attualmente in condizioni disastrose, costretti alla lotta contro l’insicurezza alimentare. Il progetto, però, è giunto al 16% di finanziamenti, nonostante lo Yemen sia, nel mondo, tra le prime emergenze umanitarie. Alle gravi carenze di cibo, non tardano a sopraggiungere anche il bisogno di assistenza sanitaria: oltre 10 milioni di yemeniti hanno bisogno di assistenza sanitaria di base. 

Ging ha riferito: «La situazione nutrizionale in Yemen è molto grave; da gennaio ad aprile di quest’anno, più di 56mila bambini sono stati trovati affetti da malnutrizione acuta grave». L’enorme portata di questo disastro ha permesso all’Onu di raggiungere solo il 32% di loro. Amran è tra le città più devastate, a causa delle terribili conseguenze degli attacchi aerei sauditi, per cui oltre 300 mila persone sono state sfollate nel governatorato di Amran.

Ad aggravare le condizioni su cui riversa lo Yemen, c’è la lotta contro la brutale oppressione saudita, cominciata nel 2014, quando i ribelli sciiti Houthi hanno conquistato la capitale Sana’a. Attualmente lo Yemen è diviso: alcune aree sono controllate da al Qaeda, da tempo bombardata dai raid lanciati dai droni americani; poi c’è lo Stato Islamico, altro pilastro fondamentalista.

(Video tratto dal canale Youtube: Al Jazeera english)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->