domenica, Settembre 19

Quando lo squalo diventa vegetariano Si tratta dello squalo martello dal berretto, che ha una dieta (anche) erbivora

0

Sugli squali grava spesso una cattiva reputazione di mangia-uomini. Ma esiste anche una versione vegetariana: si tratta dello squalo martello dal berretto, che ha una dieta (anche) erbivora.

Questo squalo è noto per l’abitudine di nuotare vicino a riva e raccogliere gamberetti, piccoli granchi e pesci nelle praterie di posidonia, una comune pianta acquatica. Nel 2007, nell’apparato digerente di giovani esemplari di questo squalo fu trovata proprio la posidonia.

Una ricercatrice dell’Università della California, Irvine, ha sistemato alcuni squali martello dal berretto in una vasca di acqua salata esterna, e li ha nutriti per tre settimane, tre volte al giorno, con una dieta per il 90% a base di posidonia e per il 10% di calamari. E cercare così di capire come mai fosse avvenuto quel ritrovamento. Ebbene le analisi condotte hanno dimostrato che stavano digerendo e utilizzando, sotto forma di energia, almeno la metà delle erbe ingerite. Il sospetto è che batteri intestinali specializzati nella digestione di alghe e piante digeriscano le fibre per loro.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->