giovedì, Settembre 23

L'Italia alla prova dei droni armati field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


I regali di Natale per l’aeronautica militare italiana arrivano prima quest’anno: Washington ha finalmente accordato la vendita dei kit di armamento per i droni in dotazione alla forza armata. Un problema complesso, quello dei droni armati, che ha suscitato molte polemiche in Paesi ben più avvezzi alla guerra rispetto all’Italia.

Proviamo a fare il punto della situazione con il Dottor Franco Iacch, analista militare accreditato con il Ministero della Difesa e la NATO, dal 2011 presente sulla rassegna stampa dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare.

 

Dottor Iacch, l’Italia è in possesso di droni ormai da diversi anni e li utilizza nei vari teatri operativi, con che risultati e soprattutto con quali compiti?

Partiamo dal presupposto che l’opinione pubblica ripone molta fiducia nei droni, ritenuti in grado di eliminare le minacce globali emergenti. E il messaggio che i Governi intendono far passare è chiaro: i droni sono sistemi a basso rischio ed a buon mercato, eseguono le missioni rischiose senza mettere al repentaglio delle vite. Sarebbe opportuno rilevare che proprio il Governo americano continua a investire miliardi di dollari per fare dei droni (specialmente quelli armati) l’asse centrale della proiezione della potenza (e dell’intelligence) degli Stati Uniti nel mondo. In sostanza, gli Stati Uniti stanno concedendo sempre maggior spazio a questa tecnologia che intendono far diventare la loro punta di diamante. Eppure queste armi, contrariamente a quanto si lasci intendere, non sono determinanti (basti pensare al loro massiccio impiego in Libia ed in Siria).

 

I velivoli a pilotaggio remoto più conosciuti sono quelli americani: a differenza di quelli italiani, come operano i colleghi oltre oceano?

In linea di massima, gli Stati Uniti utilizzano gli attacchi dei droni armati in due modi: durante la guerra e per prevenirla.  Quando utilizzati all’interno di una guerra (con determinati parametri operativi), i droni costituiscono un ottimo strumento per conferire ai soldati sul campo un vantaggio considerevole. Per fare alcuni esempi, una maggior copertura di fuoco in caso di scontro con il nemico, una visuale dall’alto che possa guidare le truppe sul terreno senza incorrere in trappolamenti esplosivi o peggio sacche di resistenza ben armata. Nelle intenzioni, i droni avrebbero dovuto avere un ruolo determinante anche in fase preventiva. Sappiamo che in quest’ultimo ruolo, l’impatto dei droni, a oggi, è fortemente limitato.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->