sabato, Maggio 15

L’Italia a fianco dell’ONU Posizione e ruolo di Roma, fra transizioni politiche e sfide costitutive per le Nazioni Unite. Dialogo aperto con il Prof. Luciano Tosi, dell'Università di Perugia

0
1 2


Nel 2017 l’Italia è tornata a essere membro non permanente del Consiglio di Sicurezza (CdS) delle Nazioni Unite, una sorte condivisa da 10 membri dell’organo (escludendo gli Stati fondatori, cioè Francia, Regno Unito, Russia, Cina e Stati Uniti), eletti dall’Assemblea Generale con mandato biennale. Peraltro, in ragione del voto paritario (95 a 95) del giugno 2016 e della relativa proposta avanzata in segno di solidale «unità» tra i Paesi europei, l’Italia dividerà il mandato con l’Olanda, che occuperà il seggio nel 2018, ferma restando una stretta collaborazione tra i due Paesi.  L’importanza dell’elezione e di un ruolo attivo all’interno del CdS è stata affermata come «priorità assoluta» già nel 2015 alla Farnesina, in occasione della XI Conferenza degli Ambasciatori, per poi essere ripresa come obiettivo strategico nell’ambito più esteso delle previsioni di bilancio relative al triennio 2015-2017. L’istanza si inscrive nel quadro dei negoziati intergovernativi avviati – a partire dal 2009 – in seno all’Assemblea Generale e, in forma di dibattito, dalla diplomazia internazionale, al fine di provvedere a una riforma in senso più aperto e paritario del CdS – vi accenneremo tra poco.

Nel lungo arco temporale compreso tra i bienni 1959-1960 e 2007-2006, l’Italia è stata eletta 6 volte, trovandosi quest’anno al suo settimo mandato. Ciò è dovuto a una indubbia rispondenza ai criteri di merito (cc.dd. «positive factors») richiesti per accedere alla candidatura, che ritroviamo nel solido contributo dato dall’Italia alle Nazioni Unite su più fronti. Anzitutto, un sostegno finanziario che la vede settimo contribuente, su scala mondiale, al bilancio ordinario dell’Organizzazione (con una quota che supera il 94,5 milioni di dollari); poi, una partecipazione significativa alle «operazioni di mantenimento della pace» (o «peacekeeping»), alle quali sono stati destinati, nel primo semestre dell’anno corrente, quasi 28,5 milioni di dollari. In 60 anni, per la «Pace» sono cadute sul campo 173 persone, tra civili e militari. Attualmente, l’Italia è attiva nelle missioni UNIFIL («United Nations Interim Force in Lebanon»), con l’impiego in territorio libanese di un contingente di 1100 uomini sotto il comando del Gen. di Brigata Francesco Olla, e MINUSMA («United Nations Multidimensional Integrated Stabilization Mission in Mali»), e provvede con incarichi diplomatici e di consulenza strategica in terre di conflitto come la Siria e la Libia (ad esempio, in questo secondo caso, con il Gen. Paolo Serra, advisor in materia di sicurezza dell’Inviato speciale Martin Kobler). Inoltre, per ciò che attiene all’impegno nella gestione della crisi umanitaria connessa alla mobilità e alle rotte migratorie, dal 2016 Filippo Grandi, diplomatico attivo per 27 anni come funzionario presso le Nazioni Unite, è stato il primo italiano a essere nominato Alto Commissario per i Rifugiati all’UNHCR.

Altri positive factors sono il riconoscimento di una leadership internazionale e una consistente rappresentanza demografica, entrambi ascrivibili all’Italia come garanzia per il ruolo di Consigliere non-permanente.

Nonostante lo spessore crescente dell’agenda ONU, nel costante riconfigurarsi degli scenari geopolitici e di fronte all’urgenza di intervento negli ambiti fondamentali contemplati dal suo Statuto (pace e sicurezza tra i popoli, tutela dei diritti umani, cooperazione economica e allo sviluppo), da tempo l’Organizzazione soffre di un ‘vuoto di efficienza’ capace di riflettersi sulla sua stessa immagine, attribuito dagli analisti a un deficit di democrazia nei processi decisionali (pensiamo al potere di veto, nel CdS, di Paesi privi di un proprio ordinamento democratico), alla lentezza di tali processi e all’assenza di una forza militare autonoma dotata di funzione deterrente.

Di questa crisi istituzionale, delle istanze di riforma interna e dello stretto rapporto dell’Italia con l’ONU ci ha parlato il Prof. Luciano Tosi, Ordinario di Storia dei Trattati e Politica Internazionale presso l’Università di Perugia.

 

Professore, potrebbe tracciare una sintesi di come si è evoluto il ruolo dell’Italia all’interno delle Nazioni Unite, dai 10 anni di attesa (dal 1945 a tutto il 1955, anno in cui l’URSS ritira il veto) per entrare al Palazzo di Vetro, alla promozione di nuovi percorsi di politica estera?

Indubbiamente, il ruolo dell’Italia all’interno dell’ONU si è evoluto, non possiamo negarlo. Dopo quel decennio di attesa, l’Italia ha assunto un ruolo di crescente rilievo nell’ambito delle Nazioni Unite, in quanto la scelta del multilateralismo – principio cardine dell’Organizzazione – è una scelta di fondo della sua politica estera, sancita dall’Articolo 11 della nostra Costituzione. L’Italia ha investito molto nel multilateralismo: non solo nell’ONU, ma anche nella politica europea. In effetti, collaborare costantemente all’azione delle Nazioni Unite significava anche favorire il ruolo dell’Italia nel mondo, nell’ottica di un rafforzamento reciproco. Non potendo elencare tutti i momenti in cui l’azione dell’Italia si è esplicata in tale direzione, diremo che in ogni crisi internazionale l’Italia ha cercato, sostanzialmente e costantemente, di fare intervenire l’ONU. Possiamo ricordare – un esempio per tutti – la crisi mediorientale: nelle sue varie fasi, l’Italia ha sempre fatto affidamento sull’azione delle Nazioni Unite, cercando di promuoverla nei vari scacchieri internazionali. Durante la «Seconda Guerra Fredda», tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta, assistiamo a diverse crisi: dall’invasione sovietica dell’Afghanistan (1979), alla presa degli ostaggi in Iran (lo stesso anno), a quella degli euromissili (che durerà dal 1979 al 1983).

Stiamo parlando di un momento storico in cui ogni scelta era polarizzata in forza di un ordine mondiale bipolare e ‘spaccato’ che, dopo una recrudescenza negli anni Ottanta, si è avviato verso la dissoluzione fino a produrre una ridefinizione delle forze in gioco. Ciò è avvenuto con la caduta di strutture politiche e ideologiche e una contestuale trasformazione del sistema internazionale (a partire dalla ‘distensione’ tra USA e URSS nel 1985-86), che hanno comportato per l’italia profondi cambiamenti nel modo in cui la sua classe politica ne avrebbe concepito il ruolo sul piano dei rapporti internazionali. Riguardo alle scelte di politica estera, ciò avrebbe implicato, per il futuro, ripensamenti in direzione di un maggiore equilibrio rispetto alla forza ‘attrattiva’ dell’Alleanza atlantica nel processo di costruzione dell’Europa come Istituzione.

Tornando alla funzione rappresentativa assunta dell’Italia alle Nazioni Unite, quali sono stati i suoi fondamentali orientamenti?    

Certamente, in Assemblea Generale l’Italia si è posta sempre a favore delle aspirazioni dei Paesi del ‘Sud del Mondo’: un’opera speso difficile, in quanto essa appartiene al ‘Nord’ geopolitico ed è, comunque, alleata – ancorché non ‘allineata’ – con gli Stati Uniti, che non figurano tra gli attori più aperti alle istanze di quei Paesi. In altri termini, l’Italia si è spesa nel tentativo di una costante mediazione e apertura verso tali istanze anche perché, oggettivamente, essendo un Paese trasformatore, ha bisogno di materie prime e di mercati per le sue esportazioni. Possiamo ricordare, al riguardo, diverse battaglie: da quella per lo sviluppo economico a quella per la tutela dei diritti umani, che non è mai stata una battaglia facile.

In Consiglio di Sicurezza, noteremo altresì che l’Italia è uno dei Paesi che possono vantare il maggior numero di presenze. Quest’anno abbiamo dovuto dividere la presenza nel CdS con l’Olanda: non essendo stata raggiunta una maggioranza, si è alla fine trovata questa formula, un po’ inedita, che divide il biennio reciprocamente tra i 2 Paesi.

La battaglia che in Consiglio di Sicurezza stiamo conducendo ormai da anni , dalla metà degli anni Novanta, è quella inerente alla riforma del Consiglio stesso: riforma ispirata a una maggiore democraticità dell’organo, a una sua maggiore efficienza nonché rispondenza all’evoluzione della realtà internazionale.

Nel dibattito, ormai risalente, sull’avvertita necessità di riformare il CdS, da Mosca è giunta – a maggio del 2016 – la disponibilità all’aumento del numero dei membri permanenti, nonché all’estensione del mandato oltre i 2 anni per i membri non-permanenti del Consiglio. Qual è la posizione dell’Italia in merito a questa nuova prospettiva? 

Si tratta di un’altra ‘battaglia’ difficile che, però, l’Italia sostiene con notevoli convergenze. Il Gruppo «Uniting for Consensus», costituito nel lontano 1995 dall’Ambasciatore Paolo Fulci e di cui l’Italia ha un po’ la leadership, porta avanti l’idea di creare una terza categoria di membri, i cc.dd. «membri semi-permanenti», nell’intento di dare maggiore rappresentatività e spazio a Paesi – o a gruppi di Paesi, riferibili ad alcuni ambiti regionali – che, per determinati requisiti (popolazione, soprattutto partecipazione alle iniziative dell’ONU, finanziamenti), abbiano una maggiore presenza, più forte e garantita di quella attualmente riservata al membro non-permanente che, ogni 2 anni, ‘ruota’.

Questa battaglia è ancora in piedi. Ha subìto diverse variazioni nel corso degli anni, con aggiustamenti tesi a pervenire a una visione condivisa, benché tuttora non manchino gli ostacoli dovuti alla permanenza di un diverso peso gerarchico tra gli Stati. All’ultima assemblea, l’Italia ha riproposto questo progetto, invitando i Paesi a un nuovo forum presso Farnesina per discuterne.

Al tempo stesso, nell’ambito del CdS, l’Italia ha cercato anche di dare spazio alla rappresentanza unitaria dell’Europa: altro tema-chiave, che ha l’vista impegnata è quello volto a promuovere l’istituzione di un seggio europeo. Anche qui, però, le difficoltà sono notevoli: sono le resistenze di Francia e Gran Bretagna, membri permanenti del Consiglio. Certamente è un obiettivo sul quale l’Italia insisterà, cercando di far sì che il Paese membro che, di volta in volta, presiede la Commissione possa parlare alle Nazioni Unite a nome dell’Unione Europea.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->