lunedì, Agosto 2

L'industria automobilistica e l'urgenza di reinventarsi field_506ffbaa4a8d4

0

I recenti investimenti di Apple e le inarrestabili avanguardie tecnologiche di Uber, stanno cambiando in modo decisivo le regole del business automobilistico. Apple e Uber sono le due società meglio posizionate per governare la nuova era dell’automobile, dunque, le industrie automobilistiche si trovano a dover affrontare molteplici minacce per sopravvivere. Da qui, la necessità di reinventarsi. La parola d’ordine è abbracciare la tecnologia per offrire una mobilità sempre più comoda e attraente, sempre più competitiva in un mondo influenzato dalla tecnologia e dalla novità.

Il tempismo è tutto. Se il mercato automobilistico non coglie la palla al balzo, perfino il miglior prodotto non riuscirà a prendere piede tra i consumatori. La chiave è stare al passo e cavalcare il cambiamento. La novità principale che ha colpito l’industria automobilistica è il potere delle auto tradizionali rispetto a quelle tecnologiche, che consentono al consumatore convenienza e personalizzazione, fondamentali per performance d’alto livello. Dunque, per ripensare l’automobile, si deve rinnovare la struttura attuale del settore. Apple, infatti, ha avuto successo grazie al modo in cui ha ripensato la tecnologia, rivoluzionandola ed è stata in grado di posizionare i propri prodotti come catalizzatori del cambiamento. Questo stesso tipo di svolta è necessaria alla sopravvivenza del settore automobilistico, attualmente destinato ad un forte declino.

Al centro dell’attenzione, lo smartphone e i software in grado di concentrarsi sulla convenienza e sulla personalizzazione, come attributi di valore primario per le automobili. Insomma, se vuole sopravvivere, per il mercato automobilistico è ora di ripensare la tradizione e guardare al cambiamento.

 

(Video tratto dal canale Youtube: Associated Press)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->